AbcRoma e AbcFirenze portali di Roma e Firenze con monumenti, musei, hotel, ristoranti, cinema, shopping, meteo, eventi, ...
AbcAlberghi e AbcPrezzi portali per trovare e confrontare le migliori offerte degli alberghi e dei negozi on line.

Benvenuto

Questo è uno spazio dove è possibile pubblicare gratuitamente articoli, comunicati stampa e recensioni.
Cosa significa questo? Aumentare la tua popolarità e quella dei tuoi prodotti a costo zero!
Con l'article marketing i tuoi articoli verranno resi disponibili, gratuitamente, a chiunque voglia ridistribuirli sul proprio sito internet.

venerdì 18 ottobre 2019

Luigi Ferraris: tra Terna e FCA una collaborazione per l’efficienza della rete e della mobilità elettrica

La mobilità elettrica può diventare una risorsa importante per rendere la rete italiana più efficiente e sostenibile: è questa l'ottica con cui Terna, guidata da Lugi Ferraris, ha siglato un accordo con FCA per dar vita all'E-mobility Lab e sperimentare soluzioni innovative.
Luigi Ferraris, AD Terna

Luigi Ferraris: la sinergia vincente tra Terna e FCA

Un progetto per condividere le competenze maturate e arrivare a sviluppare soluzioni innovative a favore di un sistema elettrico sempre più sostenibile, efficiente, affidabile e sicuro: è l'accordo siglato tra Terna, gestore nazionale della rete attualmente sotto la guida di Luigi Ferraris, e FCA. Dalla sperimentazione tra le due realtà nascerà il progetto dell'E-mobility Lab, dove mettere alla prova prestazioni e capacità delle vetture elettriche nell'erogare servizi avanzati di mobilità sostenibile. Nella fattispecie, c'è l'intenzione di lavorare sul supporto del Vehicle-to-Grid, una tecnologia utile per ottimizzare i costi di esercizio delle vetture a vantaggio degli automobilisti, ma che rappresenta anche una concreta possibilità per contribuire al perfezionamento della rete elettrica in un'ottica sostenibile. Terna e FCA si impegnano a migliorare la connessione dei veicoli alle infrastrutture di ricarica: questo passo avanti richiede una potenza extra alla rete in alcune ore della giornata, che potrà essere garantita attraverso la gestione intelligente delle ricariche tramite le colonnine V2G. In questo modo, le vetture elettriche supporteranno la gestione della rete, contribuendo alla stabilizzazione dell'intero sistema.

Luigi Ferraris: la figura professionale

Luigi Ferraris nasce nel 1962 ed è originario di Legnano (Milano). Si laurea in Economia e Commercio presso l'Università di Genova per poi iniziare la sua carriera nel 1988, nell'ambito dell'Auditing di Price Waterhouse. La svolta professionale arriva nel 1999 con l'entrata in Enel S.p.A.: il suo percorso nel Gruppo, che si conclude nel 2015, lo porta a ricoprire importanti incarichi in ambito finanziario e gestionale. In seguito, è nominato Chief Financial Officer per il Gruppo Poste Italiane, dove si occupa della privatizzazione conclusasi con la quotazione in Borsa. Da aprile 2017 Luigi Ferraris è Amministratore Delegato di Terna S.p.A. Al contempo è insegnante di Corporate Strategy presso l'Università LUISS Guido Carli di Roma, Dipartimento di Economia. All'interno dell'ateneo si era anche occupato del coordinamento dei corsi di Strategie d'impresa, Planning and Control, Sistemi di controllo di Gestione e di Energy Management del Master in Business Administration. Tra gli altri impegni, è stato Consigliere d'Amministrazione in Wind Telecomunicazioni S.p.A., Endesa S.A., Enel Distribuzione S.p.A., Enel Produzione S.p.A., Enel investment Holding BV e altre realtà di livello internazionale.

Eni tra decarbonizzazione e lotta al climate change: l’AD Claudio Descalzi al ‘Financial Times’

Eni, l'AD Claudio Descalzi parla al 'Financial Times' delle soluzioni per vincere la sfida contro il climate change: l'impegno concreto del Gruppo che si è impegnato a raggiungere la neutralità carbonica entro il 2030.
Claudio Descalzi, Ceo di Eni

Claudio Descalzi al 'Financial Times': una risposta globale contro il climate change

Da soli non si può: la lotta al cambiamento climatico deve essere globale. Lo ha affermato l'Amministratore Delegato di Eni Claudio Descalzi in un'intervista al 'Financial Times'. L'AD sostiene che le grandi compagnie del petrolio e del gas, per quanto sottoposte a controlli e pressioni mirati a frenare gli investimenti in nuovi progetti, non possono comunque alleviare la crisi mondiale delle emissioni di carbonio da sole. "Rappresentiamo non più del 10-15% della produzione complessiva e solo una piccola parte del totale delle riserve mondiali di petrolio e gas" spiega Claudio Descalzi al FT.

Claudio Descalzi: è necessario l'impegno di tutti per vincere la sfida del climate change

"Se smettiamo di produrre, nulla cambierà" aggiunge Claudio Descalzi nell'intervista. Perché "se non produciamo noi, lo farà qualcun altro", spiega l'AD di Eni citando le compagnie petrolifere nazionali che possiedono e controllano enormi quantità della produzione mondiale. E se si trasferissero le proprietà di tali attività ad altre società più piccole, queste potrebbero non avere gli stessi standard operativi e di controllo regolamentare a cui sono vincolati gruppi come Eni. Come ha sottolineato più volte l'AD, è dunque necessario un impegno congiunto, perché solo insieme si può vincere questa battaglia. E il Gruppo guidato da Claudio Descalzi sta facendo la sua parte: l'obiettivo è raggiungere le zero emissioni nette dell'upstream entro il 2030. Per farlo è stato definito un piano di interventi: già entro il 2025 Eni punta a ridurre di circa il 45% l'intensità emissiva delle attività upstream, ad azzerare il flaring di processo e a ridurre dell'80% le emissioni fuggitive di metano. Sempre in ottica ambientale il Gruppo ha in programma la realizzazione di progetti di conservazione delle foreste primarie e secondarie che andranno a compensare le emissioni residue.

giovedì 17 ottobre 2019

KKM Group, collaborazione con Fast: la tecnologia alla base dell’esperienza


Andrea Cani, presidente di KKM Group, è conosciuto e stimato nel turismo come lo specialista delle “travel experiences”, l’artefice di tutte le proposte di viaggio più particolari del momento, inclusi i richiestissimi pacchetti abbinati ai Gran Premi di Formula 1©. In occasione di TTG Travel Experience, l’Imprenditore apre una parentesi sulla tecnologia e svela al mercato i dettagli del progetto che, in collaborazione con la software house svizzera Fast Digital Solution SA, ha portato allo sviluppo di Fast, sistema digitale per la distribuzione di prodotti e servizi turistici, e della piattaforma di e-learning Lerni. 

I dettagli

Fast è nata nel 2018 per la gestione delle attività di biglietteria aerea di KKM Group ed è stata protagonista nel corso degli ultimi mesi di un restyling completo che l’ha trasformata in una piattaforma multioperativa altamente evoluta per il trade. Rispetto alla versione iniziale, la nuova release consente di prenotare hotel, grazie al collegamento con le maggiori bedbank mondiali, “activities”e, novità assoluta, tutte le “experiences” proposte da KKM Group: non solo i pacchetti Formula 1 Experiences©, di cui l’Operatore è agente unico per l’Italia, ma anche altre attività, come quelle legate alla Ryder Cup e alla Federugby, e i grandi eventi, a partire dal prossimo Super Bowl di Miami a febbraio 2020. Accanto ai nuovi prodotti disponibili, l’emissione della biglietteria aerea continua a giocare un ruolo di primo piano nella piattaforma, al punto che la nuova release di Fast, online da poche settimane, ha già ottenuto la certificazione di “Preferred Partner” da parte di Travelport.

Un altro aspetto estremamente innovativo è dato dalla possibilità per le singole agenzie di viaggi collegate di caricare il loro prodotto e condividerlo con tutti gli iscritti alla community, che oggi sfiora quota 400 agenzie. 

Sul fronte dell’e-learning, la collaborazione tra KKM Group e Fast Digital Solution SA ha portato allo sviluppo di Lerni, modulo integrabile con Fast per la formazione a distanza, che permette di organizzare webinar in diretta e in differita: “Una delle novità più interessanti proposte da Lerni – dichiara Davide Volpe, amministratore di Fast Digital Solution SA – è la possibilità per l’utente di accedere ai contenuti dei webinar in qualsiasi momento, sia da pc che da smartphone e tablet, superando quindi la rigidità temporale imposta da questo strumento di formazione”. La piattaforma consente anche di caricare contenuti multimediali e offre un valido contributo per supportare l’attività delle reti commerciali. “Abbiamo pensato – continua Volpe – di dematerializzare il catalogo: è sufficiente caricare presentazioni, immagini, schede, cataloghi e altri supporti di vendita nel sito del tour operator o dell’agenzia, per renderli direttamente accessibili ad ogni venditore, in qualsiasi momento, attraverso Lerni”.

Le parole di Andrea Cani, Presidente KKM Group

Oggi Fast e Lerni rappresentano strumenti unici, in grado di coniugare prestazioni tecnologiche evolute, offerta di prodotto esclusivo e formazione. “Nata sostanzialmente per un’esigenza interna – dichiara Andrea Cani – Fast si è evoluta al punto da diventare uno strumento adatto anche per tour operator, network e operatori del turismo che hanno la necessità di operare attraverso una tecnologia altamente performante. Un esempio è rappresentato da Musement, nota realtà specializzata nell’offerta di “activities”, che ha scelto Fast come piattaforma per i suoi Personal Travel Agents (PTA), apprezzando l’ampia offerta di prodotto, unita alla possibilità di utilizzare il modulo e-learning per attività di formazione e relationship management. La disponibilità delle nostre “travel experiences” esclusive rappresenta inoltre un elemento fondamentale per la realizzazione di pacchetti personalizzati, sempre più richiesti da una clientela di fascia medio/alta”. 

La promozione e lo sviluppo delle nuove piattaforme sono stati affidati a due manager di riconosciuta esperienza, selezionati all’interno del Team di KKM Group: Giorgio Bestetti, già responsabile della business unit Experiences, coordinerà l’implementazione delle “travel experiences”, il booking e tutta l’area “operations”, mentre Giacomo Ridi, direttore commerciale, avrà il compito di portare Fast e Lerni all’interno delle agenzie medio/grandi che possono trarre vantaggio dalla disponibilità di un canale distributivo attraverso cui veicolare il loro prodotto.

L’arma più efficace contro la droga è l’istruzione


Sabato 12 ottobre insegnanti di diversi istituti scolastici romani hanno partecipato al seminario di formazione  “La Verità sulla Droga” .
C’è voglia di darsi da fare. Gli insegnanti di scuole medie e superiori, hanno partecipato liberamente perche’ “vedono” un’epidemia preoccupante del consumo di droga tra i loro studenti e soprattutto la mancanza di attività capaci di contrastarne il fenomeno che negli anni si è moltiplicato. I volontari romani della Fondazione Un Mondo Libero dalla Droga, a cui fa riferimento la cui campagna sociale “La Verità sulla Droga” hanno illustrato agli insegnanti gli strumenti, peraltro gratuiti, che possono utilizzare nelle loro classi. Il pacchetto educativo “La Verità sulla Droga” fornisce strumenti pratici per istruire i giovani sull’abuso di queste sostanze. Nessuno mette in dubbio la gravità del problema della droga e del suo devastante impatto sui giovani. I risultati scolastici ne soffrono e, peggio ancora, la droga mina la salute e distrugge le vite dei ragazzi.La soluzione migliore è raggiungere i giovani con un’istruzione efficace e basata sui fatti, prima che inizino a far uso di droga. È molto meno probabile che bambini, adolescenti e giovani che conoscono i dati sulla droga inizino a farne uso. La colonna portante del programma antidroga della Fondazione è il documentario di 1 ora e 42 minuti La Verità sulla Droga: Persone Vere, Storie Vere. Il documentario è accompagnato da tredici opuscoli e premiati annunci di pubblica utilità. In totale sono stati distribuiti più di 55 milioni di opuscoli informativi in più di 60 paesi e in più di 20 lingue. Questo Pacchetto Educativo “La Verità sulla Droga” soddisfa la crescente richiesta di strumenti pratici che assistano l’insegnante, l’istruttore o il preside nel trasmettere la verità sulla droga in modo rapido ed efficace. Fornisce lezioni, compiti ed attività di classe che incoraggiano gli studenti a partecipare e attraggono e tengono desta l’attenzione dei giovani. Gli studenti leggono, guardano e, cosa ancora più importante, usano queste informazioni per fare le scelte giuste riguardo al consumo di droga. Non c’è insegnante o genitore che non abbia chiesto: che cosa posso fare per aiutare a tenere i ragazzi lontano dalla droga? Il Pacchetto Educativo “La Verità sulla Droga” aiuta a rispondere a tale domanda, con il massimo beneficio di studenti e giovani del mondo d’oggi. In quanto insegnanti, vogliono aiutare i giovani a restare lontani dalla droga e sanno di doverlo informare prima che lo facciano gli spacciatori. A volte mancano il tempo e le risorse per un’educazione efficace sulla droga, ed i materiali utilizzati sono spesso antiquati, per non parlare del fatto che non si rivolgono realmente ai ragazzi.
La Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga è un programma internazionale di prevenzione alla droga no-profit, patrocinato con orgoglio dalla Chiesa di Scientology e dagli Scientologist di tutto il mondo.

mercoledì 16 ottobre 2019

Roma: tornano a San Lorenzo tra spacciatori e clienti


Sabato 19 ottobre  2019 I volontari romani di Un Mondo Libero dalla Droga si dedicheranno alla distribuzione gratuita degli opuscoli “La Verità sulla Droga” nella zona di San Lorenzo.

Di nuovo a diffondere  dati ed informazioni vere sulle sostanze stupefacenti. Gli strumenti sono come sempre gli opuscoli che, non a caso, si chiamano La Verità sulla Droga. Sono tra i pochi ad affrontare il mostro  nella città più grande ed importante d'Italia. E' un manipolo di uomini e donne che si  beccano anche provocazioni, sorrisetti infastiditi ed, a volte anche le urla di teme che gli venga tolta la pagnotta. Ma non desistono e non solo perché hanno ricevuto anche riconoscimenti ed apprezzamenti, ma soprattutto perchè sanno che il loro lavoro è utile.E' una cosa che va fatta, punto e basta perché dove questi opuscoli vengono distribuiti in massa, si registra una considerevole diminuzione del consumo di droga.
Per questo, oltre agli opuscoli, i materiali della Fondazione, in modo da poter raggiungere chiunque, includono anche un “kit per l’insegnante” per fornire ai docenti, alle forze dell’ordine ed ai gruppi presenti nella società strumenti efficaci per aiutare soprattutto i giovani a prendere la giusta decisione. 
Ci sono poi annunci di pubblica utilità incisivi e video documentari che completano la serie: novanta minuti su ogni singola droga, raccontati da coloro che ci sono finiti dentro. Ad oggi, più di 700 milioni di persone hanno sentito o visto il messaggio della Fondazione ma è veramente necessario che tutti vengano raggiunti da questo messaggio. La campagna è patrocinata dalla Chiesa di Scientology ma questa è una sfida per chiunque abbia a cuore il futuro di questa società. Non è troppo tardi ancora. In questo momento sono persone semplici ma di grande cuore a rimboccarsi le mani ogni settimana. Diamo loro una mano.
Per maggiori informazioni e per ordinare i materiali:www.noalladroga.it. Se poi si vuole partecipare alla distribuzione prevista per il prossimo fine settimana,chiamare il numero3203279269



Disturbi o umane emozioni?


I  volontari romani del CCDU hanno raggiunto centinaia di  persone informandole  sugli effetti nocivi degli psicofarmaci grazie ai preziosi opuscoli che ne denunciano i rischi.


Ancora un ulteriore appuntamento  durante il quale sono state raggiunte oltre 300 persone con gli opuscoli gratuiti sugli ansiolitici, psiocofarmaci, psicostimolanti, regolatori dell’umore, antipsicotici e antidepressivi.
In Italia 11 milioni di persone, tra cui bambini ed adolescenti, assumono psicofarmaci.  Se un bambino a scuola non apprende bene, oggi non lo si aiuta più cercando di capire quale potrebbe essere la sua difficoltà, ma lo si etichetta con qualche tipo di strana malattia inventata e gli si somministrano queste famigerate droghe legali. 3 miliardi e 300 milioni di euro all'anno incassano le case farmaceutiche con questo ed altri raffinati stratagemmi. Che importa se poi gli effetti collaterali sono tantissimi e mortali. Ecco, per esempio, quelli per gli antidepressivi di nuova generazione:
Agitazione, Forte irrequietezza, Ansia, Strani sogni, Confusione, Fissazioni, Intontimento, Allucinazioni, Mal di testa, Attacchi di cuore, Ostilità, Ipomania (eccitazione esagerata), Impotenza, Insonnia, Perdita di appetito, Manie, Perdita di memoria, Nausea Attacchi di panico, Paranoia, Episodi psicotici, Irrequietezza, Attacchi apoplettici, Disfunzioni sessuali, Perdita di peso, Sintomi depressivi dopo l'interruzione dell'assunzione.  
Ci sono poi  pensieri o comportamenti suicidi e comportamenti violenti, Ricordiamo, infatti, che dietro a tutte queste morti violente, a questi scoppi improvvisi di follia omicida il più delle volte ci sono i famigerati psicofarmaci. E' diventato veramente vitale informarsi e non ingerire nulla, anche se è stato consigliato da un medico, se prima non si è letto il foglio informativo che lo accompagna.
Questo è il sito giusto: www.ccdu.org.
 Il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani (CCDU) Onlus, è un'organizzazione di volontariato non a scopo di lucro, finalizzata alla difesa dei Diritti Umani nel campo della Salute Mentale.
Con questo in mente, nel 1969 gli Scientologist fondarono il Citizens Commission on Human Rights (CCHR, in Italia CCDU, Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani), un ente di tutela che indaga ed espone le violazioni psichiatriche dei diritti umani. Oggi il CCHR è una forza a livello mondiale che lavora attivamente per eliminare i trattamenti brutali, le pratiche criminali e le violazioni dei diritti umani nel campo della salute mentale. Ha contribuito a far promulgare più di 150 leggi che proteggono le persone da pratiche abusanti e coercitive nel campo della salute mentale.




Insolvenza del vettore: I4T lancia un salvagente alle agenzie di viaggi


In un periodo di alta tensione caratterizzato dal susseguirsi di notizie relative a clamorosi fallimenti, I4T presenta agli agenti di viaggi una polizza “salvagente” contro il rischio di insolvenza di vettori aerei, navali e ferroviari.

I dettagli

La copertura garantisce il rimborso dei costi derivanti dall’impossibilità del vettore a prestare i servizi concordati a seguito di insolvenza, indipendentemente dal fatto che il fallimento si verifichi prima o durante il viaggio. Prima della partenza I4T risarcisce gli importi relativi al viaggio già versati e non recuperabili, mentre in caso di insolvenza durante il viaggio, rimborsa i costi aggiuntivi sostenuti per la sostituzione della tratta interessata o per il rientro anticipato, nel caso in cui l’interruzione del viaggio sia inevitabile. Sottoscritta con IMA Italia Assistance S.p.A., la polizza è già disponibile per tutti gli agenti di viaggi che collaborano con I4T.  

Il commento di Giovanni Giussani, direttore commerciale I4T

Giovanni Giussani, direttore commerciale I4T, ha dichiarato in proposito: “Accanto a cancellazioni, scioperi, overbooking e ritardi, il rischio di fallimento del vettore è purtroppo diventato, a tutti gli effetti, una nuova insidia per il mondo della distribuzione. Abbiamo sviluppato una polizza smart che ha come beneficiario il cliente finale: si stipula con la stessa facilità con cui si stipula una polizza medico/bagaglio e solleva, di fatto, l’agenzia dall’onere dei costi connessi alla riprotezione e/o all’annullamento del viaggio”. 

La novità è stata annunciata nel corso di TTG Travel Experience ed è destinata a tutelare gli agenti di viaggi che organizzano pacchetti per la loro clientela. Secondoun articolo pubblicato da Il Sole 24 Ore a inizio 2019, in poco meno di 2 anni sono stati 10 i fallimenti di compagnie aeree in Europa, e la lista si è ulteriormente allungata nel corso dei mesi successivi, fino ad arrivare ai casi più recenti. 

“Con questo prodotto – conclude Giussani – riconfermiamo la nostra mission di provider assicurativo al servizio delle agenzie, specializzato nello sviluppo di prodotti ad alto valore aggiunto, in grado di rispondere efficacemente alle complesse sfide imposte dall’evoluzione del settore”.