AbcRoma e AbcFirenze portali di Roma e Firenze con monumenti, musei, hotel, ristoranti, cinema, shopping, meteo, eventi, ...
AbcAlberghi e AbcPrezzi portali per trovare e confrontare le migliori offerte degli alberghi e dei negozi on line.

Benvenuto

Questo è uno spazio dove è possibile pubblicare gratuitamente articoli, comunicati stampa e recensioni.
Cosa significa questo? Aumentare la tua popolarità e quella dei tuoi prodotti a costo zero!
Con l'article marketing i tuoi articoli verranno resi disponibili, gratuitamente, a chiunque voglia ridistribuirli sul proprio sito internet.

mercoledì 31 maggio 2017

Terna ad Ferraris, si aggiudica una nuova commessa in Perù


Terna costruirà una linea elettrica di 132 chilometri nella parte orientale del paese.
Si tratta della prima operazione internazionale messa a segno dalla Terna targata Ferraris

Terna compie un altro passo avanti in America Latina.
Secondo quanto risulta al Sole24Ore, la società guidata da Luigi Ferraris, si sarebbe infatti aggiudicata tramite la sua controllata Terna Plus, la gara indetta da Proinversion (l’agenzia per gli investimenti che fa capo al ministero dell’Energia e delle miniere peruviano), per la costruzione di una nuova infrastruttura elettrica nel paese. In virtù della concessione trentennale assegnata, la spa dell’alta tensione realizzerà una linea elettrica a 138 kilovolt, lunga 132 chilometri, che unirà le stazioni elettriche di Aguaytia e Pucallpa, nella regione di Ucayali, nella parte orientale dello Stato sudamericano. Il valore della commessa si aggiudicherebbe sui 9 milioni di dollari (circa 8 milioni di euro), considerando anche il potenziamento previsto per le due stazioni elettriche esistenti, e dovrebbe garantire 1,4 milioni di dollari l’anno di ricavi (1,2 milioni di euro). A valle della firma del contratto, che dovrebbe avvenire nelle prossime settimane, Terna avrà 3 anni per la costruzione e la messa in esercizio della linea e il completamento dei lavori.
Si tratta della prima operazione internazionale messa a segno dalla Terna targata Ferraris.
Il nuovo ceo conosce molto bene il Sudamerica, essendo stato anche presidente di Enel Green Power, che in quell’area ha il suo baricentro, nonché ad di Enersis, la controllata sudamericana del gruppo elettrico.
Senza dimenticare che il Perù ha buone prospettive di crescita e uno scenario di lungo termine stabile, oltre ad avere uno piano di sviluppo decennale della rete di trasmissione molto importante, che contribuisce a renderlo uno dei paesi più interessanti nel futuro energetico dell’America Latina, dove Terna si sta progressivamente consolidando. Come si ricorderà, a febbraio la società aveva infatti firmato un accordo con Planova, l’azienda brasiliana impegnata nella realizzazione delle opere civili e infrastrutturali, per l’acquisizione di due concessioni per realizzare ed esercire complessivamente circa 500 chilometri di infrastrutture elettriche. E, a settembre scorso, era stata invece la volta dell’Uruguay con il contratto, assegnato da Ute, la controllata pubblica che si occupa di generazione, trasmissione, distribuzione e vendita dell’energia elettrica, per la costruzione di tre nuove linee.
FonteRadiocor Plus

Per problemi di alopecia areata, caduta o diradamento scopri le protesi di capelli veri dello store di Italcenter!

Italcenter, studio tricologico di Como, mette a disposizione tantissime parrucche e protesi di capelli veri, in moltissimi colori e modelli, per ovviare ai problemi di calvizie, alopecia e diradamenti da acquistare comodamente online.

Italcenter dal 1985 si occupa di fornire una soluzione valida ai problemi di calvizie, alopecia, stempiature, caduta e diradamento di capelli.
Lo studio tricologico opera a Como e mette a disposizione un team di professionisti nel settore per effettuare interventi di infoltimento, autotrapianto, tricopigmentazione e molto altro.
I Tuoi Capelli è il negozio di Italcenter che produce e vende all'ingrosso, al dettaglio e online parrucche e protesi di capelli veri e sintetici della massima qualità.


Caduta capelli uomo

Caduta capelli uomo e donna, molte le cause, una sola soluzione: Italcenter

Italcenter e I Tuoi Capelli trovano una soluzione ai tuoi problemi di caduta di capelli.
Nello store puoi trovare parrucche e protesi in capelli veri o sintetici, lavorate completamente a mano e realizzate con materiali della massima qualità, in una vasta gamma di colori, in grado di garantire un risultato estetico impeccabile.
Si realizzano anche modelli su misura, allungamenti, infoltimenti, extensions e parrucche speciali per chi è sottoposto a cure chemioterapiche. Presso il negozio è inoltre possibile acquistare anche accessori e prodotti per la cura di parrucche e protesi.

Le caratteristiche delle parrucche e protesi di capelli veri e sintetici di Italcenter

Italcenter e I Tuoi Capelli sono specializzati nella produzione di parrucche naturali in capelli Remy della massima qualità o in fibre ultraleggere, antiallergiche, traspiranti e che si adattano perfettamente ad ogni fisionomia.
Con il passare degli anni, la tecnologia e il progresso nel campo delle parrucche ha fatto sì che i prodotti siano diventati leggeri, comodi e piacevoli, per rendere chiunque contento del proprio look e naturalezza.
Anche le parrucche sintetiche sono di altissima qualità, traspiranti e anallergiche.
Sono realizzate usando i migliori materiali presenti sul mercato per garantire un comfort elevato e sono disponibili in tantissimi colori e tagli.
Le parrucche sintetiche sono facili da lavare e sono un ottimo compromesso tra convenienza e grande qualità estetica.
Per problemi di caduta capelli donna e uomo, contatta Italcenter e ricevi una consulenza. Prenota una visita e ritrova la felicità di avere i tuoi capelli.

Il sonno del neonato: problemi, disturbi, metodi, rimedi, fasi e cicli

IL SONNO DEL NEONATO




CONSULENZA SUL SONNO DEL NEONATO: le regole di base sul sonno del neonato

Il tuo bimbo non dorme, non riesce o non vuole dormire, dorme poco, dorme agitato, piange per addormentarsi, piange di notte o ha risvegli notturni continui? Ti insegneremo come addormentare e far dormire i bambini oltre che curare i disturbi del sonno e l'insonnia nei bambini. Imparerai i rimedi sui problemi del sonno del neonato tra cui il Metodo Easy di Tracy Hogg. Contattaci subito telefonicamente al 333/9579241 o al 331/4544191, oppure scriverci su tatanannyfamily@gmail.com.
Siamo abituati a sentirci dire "dormi come un bambino", come se un bambino avesse il sonno profondo e pesante. Ciò può essere vero per i bambini un po’ più grandi ma certamente non lo è per i neonati che, invece, hanno un sonno molto disturbato, agitato e a volte molto leggero. Il sonno dei bambini è sin da subito uno dei temi più cercati dai neogenitori in rete e allora proviamo a fotografarlo e a rispondere a qualche domanda.

Breve nozione di medicina sul sonno del neonato

L'ormone della crescita GH o La somatotropina è prodotto dall'ipofisi che è una ghiandola posta al centro della testa e viene rilasciato solo durante il sonno profondo e quindi un bambino che dorme poco non può crescere secondo le proprie potenzialità. L'ormone della crescita è prodotto anche durante il sonno profondo diurno però tre ore di sonno diurno non hanno lo stesso effetto benefico di 8 ore di sonno notturno o addirittura i bambini seguiti da me riescono a dormire dopo il percorso che faccio con le mie mamme anche 12 ore di fila.

Fasi, cicli e ritmi veglia nel sonno del neonato

Il bambino di pochi mesi alterna stati di sonno profondo a fasi di sonno leggero, quasi di dormiveglia, e durante la notte queste fasi si susseguono una dietro l’altra senza sosta, infatti non c’e' nulla di strano se il neonato durante il sonno diurno si agita, si lamenta durante il sonno o piange durante il sonno. Le fasi del sonno del neonato sono molto diverse da quelle dell'adulto: dormire è, come molti altri aspetti della vita di un neonato, qualcosa che va insegnato...parliamo del cosiddetto ciclo del sonno del neonato e quindi delle ore di sonno del neonato. Il genitore deve essere la guida del neonato, deve essere in grado di aiutarlo a instaurare buone abitudini notturne e pomeridiane in relazione al sonno. Ci sono molte cose che il neogenitore dovrebbe sapere riguardo al sonno del neonato e approfittare di questa conoscenza per aiutare il neonato a dormire con un sonno pesante e cancellare tutte le cause che portano il neonato ad avere un sonno leggero e quindi a risvegliarsi durante la notte ogni ora. I neonati sviluppano dei ritmi sonno-veglia sin da quando sono nel pancione. Spesso questi ritmi sono opposti rispetto a quelli della madre perché il bimbo tende a dormire durante il giorno, quando la madre è attiva e con i suoi movimenti culla il piccolo, mentre è sveglio la notte, quando la mamma è stesa immobile. Il ritmo sonno-veglia del neonato nella pancia naturalmente rimangono invariati anche dopo il parto perché il bambino è sempre lo stesso. In queste situazioni è compito dei genitori insegnare al neonato a distinguere il giorno e la notte. Durante il giorno il neonato dovrebbe riposare in un ambiente luminoso, senza preoccuparsi di isolarlo dai rumori. In genere dopo la mia consulenza sul sonno del neonato un pisolino giornaliero durera' 3 ore il pomeriggio, puoi avere un po’ di tolleranza se pensi che il bambino abbia bisogno di dormire più a lungo ma non lasciare che dorma oltre le 4 ore...mentre il sonno durante la notte deve essere minimo di 8 ore anche con bambini di 2 mesi di vita che ormai hanno raggiunto i 4,5 kg di peso. Durante la notte il neonato dovrebbe rimanere sempre in un ambiente oscuro e rumori e stimoli dovrebbero essere limitati al massimo.

Le peculiarità del sonno REM del neonato

È importante sapere che il sonno del neonato è molto diverso da quello degli adulti. Anche se i neonati dormono molte ore al giorno, tipicamente 16/18 ore, il loro ciclo di sonno e' molto irregolare perché di solito le neomamme non sanno come fare per gestire la routine diurna del neonato. Una delle peculiarità principali del sonno del neonato è che i cicli del sonno sono più brevi di quelli di un adulto mentre la fase REM, ovvero di sonno attivo, è proporzionalmente più lunga. Questo e' necessario per rendere possibili gli straordinari sviluppi cerebrali che avvengono fin dalla nascita, infatti dovete sapere che il neonato attraverso il sonno sviluppa l'ormone della crescita GH. Però nella fase REM il sonno del neonato è più leggero e facilmente disturbabile. In genere dopo 30-40 minuti di sonno profondo il neonato inizia a dare segnali di agitazione come mormorii, movimenti e pianti anche mentre sta ancora dormendo. È anche possibile che il neonato apra le palpebre ma se lasciato indisturbato potrebbe tornare a dormire. Inizialmente questi passaggi possono causare il risveglio del neonato che quindi fa pisolini molto brevi e frequenti. Il genitore in questa fase del sonno del neonato deve innanzitutto evitare di essere causa del risveglio, magari perché giudicando dai movimenti e rumori pensa erroneamente che il neonato abbia finito il suo riposo. Inoltre può anche agire per aiutare il neonato a “legare” tra di loro le varie fasi del sonno. Verso le 6/8 settimane di vita del neonato le fasi REM diventano più corte e il neonato inizia a dormire per periodi più lunghi e entro i 6 mesi la grande maggioranza dei neonati ha imparato a dormire tra le 8 e le 12 ore di fila per notte...

Stanchezza e sonno nel neonato

Un’altra caratteristica del sonno del neonato è che più è stanco e peggio dorme e questo succede anche a noi adulti. Alcune mamme dicono "facciamolo stancare un altro po’ così si addormenta in fretta". I bambini che hanno sonno diventano iperattivi, eccitati, capricciosi. Sarebbe giusto dare al neonato la possibilità di addormentarsi ai primi segni di stanchezza, cioè quando: inizia a strofinarsi gli occhi,si tira le orecchie,sbadiglia,stira il corpo,guarda fisso nel vuoto, piagnucola ed è irritato. Se quando ci sono questi segnali non si interviene subito, soprattutto se il bambino ha 2-3 mesi, è possibile che si riattivi e che ci voglia molto tempo per farlo addormentare.

Il sonno del neonato durante le fasi di intenso sviluppo

Anche dopo che il neonato ha imparato a dormire tutta la notte, il suo cervello attraverserà delle fasi di intenso sviluppo che potrebbero causargli difficoltà a dormire. Si tratta di fasi transitorie, in cui il genitore deve solo assicurarsi che il bambino continui a mantenere le buone abitudini che aveva già assunto precedentemente. A queste fasi si aggiungono difficoltà temporanee a dormire causate per esempio dalla dentizione o da un raffreddore o se respira male con il nasino.
L'aumento dei disturbi del sonno sarebbe effetto diretto di una insufficiente educazione al sonno e all'autonomia da parte di genitori deboli, sopraffatti da bambini tiranni. Sarebbe proprio il dormire insieme e addormentare il bimbo all'infinito o ninnandolo in passeggino, cui spesso i genitori cedono per evitare di far piangere i propri figli, la vera causa dei disturbi del sonno.
Si tratta delle strategie istintive di comportamento che il bambino mette in atto per conseguire la vicinanza con la madre (o con la persona che principalmente si occupa di lui); queste strategie, che nessun bambino impara ma che mette in atto sin dalla sua nascita, sono strategie di richiamo (piangere, tendere le braccia per essere presi in braccio, aggrapparsi). Le mamme mi chiedono:
Ovviamente per il sonno del neonato la differenza non la fanno di certo i prodotti omeopatici.

Gli errori più comuni che favoriscono disturbi nel sonno del neonato

Gli sbagli comuni che rappresentano i disturbi del sonno sono di addormentare il bambino cullandolo in braccio o di accogliere il bambino nel lettone senza permettergli di scivolare autonomamente nel sonno, come di fatto sarebbe in grado di fare dopo che seguirete step-by-step la routine e i passaggi che vi insegnerò.

Il Metodo Easy di Tracy Hogg: come regolare il sonno del neonato

Ci sono diversi studi che dimostrano che i bambini, di qualsiasi genere e tipo ed età, per risolvere il disturbo del sonno del neonato traggono giovamento dal seguire una routine organizzata durante la giornata. E infatti persino negli asili e nei nidi, si sta molto attenti a seguire delle routine precise. Tracy Hogg basa tutto il suo metodo su una routine di eventi da ripetersi sempre nello stesso ordine durante la giornata. La routine proposta da Tracy Hogg non è una tabella di marcia con orari precisi da rispettare, ma una ripetizione di eventi in un ordine prestabilito, che permette a bambino e mamma di sapere con esattezza quale è il prossimo passo. Per aiutare i genitori a ricordarsi come procedere, Tracy Hogg ha introdotto l’acronimo E.A.S.Y. (ossia facile in inglese):
  • E. come EAT, ossia mangiare, è il punto di partenza. Come dire che con la pancia piena si ragiona meglio. Prima cosa che si fa appena svegli è quindi quella di allattare il piccolo.
  • A. come ACTIVITY, ossia attività. Una volta riempita la pancia, abbiamo bisogno di un po’ di movimento per aiutare la digestione prima di poter tornare nel bel mondo dei sogni. Il tipo di attività (e la durata) dovrà naturalmente essere commisurata all’età del bambino.
  • S. come SLEEP, ossia dormire. Un sano sonno ristoratore prima di ricominciare tutto da capo.
  • Y. come YOU, ossia tu, mamma, che ti dedichi interamente al tuo piccolo, ma che hai bisogno di prenderti cura anche di te stessa. E infatti mi viene da chiederti: ma ti sei pettinata stamattina???



Perchè parlare di CONSULENZA SUL SONNO DEL NEONATO

L'arrivo di un neonato è sicuramente un momento di gioia per tutte le famiglie, ma gia' al rientro a casa dopo la clinica, i genitori devono fare i conti con difficolta' che difficilmente avevano previsto. Dalla nostra esperienza professionale è nata l'idea di questo sito che si prende cura delle neo-mamme e che sta loro vicino fin dai primi momenti di vita del loro piccolo. Spesso si pensa che diventare mamma sia un fatto naturale, ma secondo la nostra esperienza purtroppo non è cosi'...ci vogliono le giuste competenze che vi trasmetteremo con un aiuto concreto nell'affrontare il momento piu' bello, ma anche piu' complicato. Per questo consigliamo alle neomamme di affidarsi alla nostra agenzia di puericultrici e tate.



CONSULENZA SUL SONNO DEL NEONATO: obiettivi principali

Il nostro obiettivo è quello di supportare la neo mamma nel periodo post parto, fornendole un servizio a domicilio(o anche per le prime notti) per agevolare l'instaurarsi di una relazione equilibrata e serena con il neonato. Il nostro intento è quello di sostenere la mamma, aiutandola nella cura pratica del piccolino.



CONSULENZA SUL SONNO DEL NEONATO: Chi siamo

L'agenzia di puericultrici e tate TataNanny vi propone diverse figure professionali, selezionate in modo accurato e vi garantisce personale super referenziato! Valutiamo ogni candidata verificandone la professionalità la serietà, anche in base alle esperienze di almeno 5 anni in famiglia, alla formazione certificata e alle ottime referenze documentabili.
Grazie alla nostra esperienza e professionalità, affinata dalla sensibilità e dall'importanza di poter affidare i propri figli a persone competenti ed esperte, noi di TataNanny siamo certi che troveremo la puericultrice o tata perfetta per la tua famiglia! La nostra agenzia di puericultrici e tate seleziona:

Puericultrice

E' un'infermiera specializzata o una tata professionista, esperta nella cura e gestione dei neonati. Si occupa del post parto della neo mamma, offrendole tutti i migliori consigli riguardando l'allattamento e l'impostazione del neonato, nei primi 3-6 mesi di vita.

Tata

E' una professionista d'infanzia, esperta nella cura e gestione dei bambini dai 4 mesi di vita ai 10 anni che si prende cura dei bambini,prestando attenzione alla loro crescita e al loro sviluppo psico fisico.

SOS Supertata per consulenza sul sonno con Metodo Easy di Tracy Hogg

Tramite la nostra figura di ASSISTENTE ALL'INFANZIA, AL NIDO E ALLA FAMIGLIA, e in collaborazione con puericultrici, offriamo aiuto a tutte le mamme che hanno problemi con il sonno del neonato, addormentamento del neonato e gestione dei continui risvegli(da 0 a 24 mesi).



CONSULENZA SUL SONNO DEL NEONATO: dove operiamo

La nostra agenzia di puericultrici e tate opera in tutta Italia, Milano e interland principalmente, ma anche all'estero: Londra, Parigi, Lugano, Ginevra, Zurigo, Monaco, Montecarlo... Ci occupiamo anche di formare nelle famiglie più esigenti la Tata perfetta o SUPERTATA.



CONSULENZA SUL SONNO DEL NEONATO: In cosa consiste il nostro supporto

Quando un neonato o un bambino non dorme o ha disturbi del sonno, è giusto fare il possibile per risolvere la situazione per il suo benessere e quello dei genitori. Il problema del sonno del neonato va affrontato attraverso l'insegnamento di una determinata routine in quanto il cervello del bambino lavora per associazione e insegnerò a voi mamme tutti i vari step affinché il bimbo impari a cercarsi il sonno da solo. Il punto è che spesso si commettono errori che comunque possono ostacolare la possibilità che il bambino dorma bene di notte, cioè si addormenti senza difficoltà e abbia un sonno che prosegue senza interruzioni per un ragionevole arco di tempo che va dalle 8 alle 10 ore notturne.
Attraverso la nostra consulenza sui disturbi del sonno del bambino invito le mamme ad "ascoltare" il tipo di pianto del bambino che non è sempre dovuto automaticamente alla fame.
Il nostro intervento per risolvere definitivamente il problema sul sonno e sull'addormentamento del neonato, consiste in un'analisi approfondita della storia del bambino, fondamentale per capire l'origine dei suoi disturbi, e poi la GUIDA, il SUPPORTO e la COSTRUZIONE INSIEME ALLA NEO MAMMA di un NUOVO RITUALE per far addormentare il bambino e per eliminare in maniera definitiva i continui risvegli. E'un nostro dovere professionale e ancora di piu' umano insegnarVi a riconoscere il pianto del neonato, che è sempre un'indicazione di stress o di disagio emotivo. Per un genitore sentire il proprio bimbo che piange in maniera inconsolabile e incontrollata e non saper intervenire per calmarlo e rassicurarlo nel modo giusto è una GROSSA FONTE DI STRESS.



CONSULENZA SUL SONNO DEL NEONATO: I nostri Feedback

Cosa dicono le nostre mamme...
Mamma Manuela: mio figlio non dormiva piangeva tanto e non sapevo come gestirlo! L'intervento di Maria è stato profetico. Lo consiglio a tutte le mamme alla prima esperienza. Persona splendida, mi ha subito dato i numeri delle sue mamme. La richiamero' per il mio secondo figlio prima di commettere errori.
Mamma Alessandra: ero disperata con Giuly che in 6 mesi non ha mai mai dormito..fino a quando non ho conosciuto Maria, con una sola consulenza mi ha tirata fuori da un periodo stressante, ora la piccola la notte mi dorme 11 ore di fila! Un sogno.
Mamma Eleonora: ho già una bimba di 2 anni, quindi avevo già esperienza. Maria mi ha aiutata a gestire il sonno dei gemellini con ottimi consigli, ora il pomeriggio dormono 3 ore di fila e la notte so come gestire i continui risvegli. Servizio efficiente!



CONSULENZA SUL SONNO DEL NEONATO: come contattarci


Per maggiori informazioni su CONSULENZA SUL SONNO DEL NEONATO e tutti gli altri servizi su descritti potete contattarci telefonicamente al 333/9579241 o al 331/4544191, oppure scriverci su tatanannyfamily@gmail.com

Tanti i giovani di Montespaccato avvertiti sui pericoli delle droghe.



Roma 31 maggio 2017  – “Informare sulle  droghe” prosegue di settimana in settimana  per i volontari della seziona romana della Fondazione per Un Mondo Libero dalla Droga. Ospitati  nel quartiere di Montespaccato in occasione della festa religiosa di Santa Rita che si è svolta nei giorni 26, 27 e 28 Maggio hanno raggiunto un pubblico prevalentemente giovanile con una distribuzione di oltre 1500  opuscoli informativi sulle sostanze più comuni.
Il prezioso libretto infatti  delinea gli effetti dannosi degli stupefacenti a breve e lungo termine.
Ideati e prodotti dalla Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga, gli opuscoli della serie “La verità sulle droghe” espongono singolarmente i danni e le verità su ogni singola sostanza stupefacente attualmente in circolazione, per portare ai giovani i fatti concreti sui loro effetti dannosi, spiegando esattamente “cosa sono le droghe” e “perché una persona si droga”. Queste informazioni basilari sono fondamentali per tutelare le future generazioni, favorendo la consapevolezza che le droghe sono essenzialmente veleni per il corpo e per la mente, con l’obiettivo finale di farli giungere ad un informato “no alla droga, si alla vita”.
La Fondazione ha inoltre realizzato un documentario con storie vere di ragazzi che sono usciti dalla trappola della dipendenza e una serie di 16 spot di pubblica utilità, dal titolo “Dicevano…Mentivano”, che sbugiardano i luoghi comuni usati per attirare gli adolescenti verso l’uso di droghe.
E mentre si diffondono notizie sulle “smart drug”, le “droghe furbe”, le future generazioni vengono rese consapevoli che usare droghe non è “furbo”. Al contrario, grazie alla “La verità sulle droghe” vengono resi consapevoli che “furbo” è restarne alla larga e dire “Si alla vita”, facendo tesoro dell’osservazione dell’umanitario L. Ron Hubbard: “Le droghe privano la vita delle gioie e delle sensazioni che rappresentano, comunque, l’unica ragione per vivere”.

Per approfondimento:
drugfreeworld.org


martedì 30 maggio 2017

Cercate l'acconciatura perfetta? Il taglio ideale? Ecco dove trovare validi consigli!

Siete alla ricerca dell'acconciatura perfetta per un'occasione importante così come per non apparire mai banali nella vita di tutti i giorni? Siete indecise tra un taglio medio e uno cortissimo? Volete cambiare look ma non sapete quali idee adottare per rivoluzionare il vostro stile? Bene, la risposta è una sola: consultare https://www.capellitrendy.it/ !

Si tratta di un portale interamente dedicato al mondo dei capelli e delle acconciature con tanti pratici consigli non solo sui tagli più trendy e cool del momento ma anche per effettuare la scelta giusta. Si perché avere i capelli lunghi, così come optare per un hair cut corto, presenta i suoi vantaggi ma anche i suoi innumerevoli svantaggi. E oltre a ciò, troverete idee sorprendenti per conferire un tocco di vitalità in più alla vostra capigliatura e per esaltare la vostra naturale bellezza.

Avete i capelli corti e siete stanche di portarli sempre allo stesso modo? Bene, avete mai pensato che anche con la poca lunghezza che avete a disposizione potete realizzare uno chignon basso o ancora tanti piccoli torchon da disseminare sulla testa? Al contrario, avete i capelli lunghi e cercate una acconciatura originale ma nel contempo, facile e veloce perché al mattino avete troppo poco tempo da dedicare a trucco e parrucco? Bene, optate per la coda di cavallo: classica, super-high, laterale, bassa... potete realizzarla come più vi piace!



Ma ancora potrete trovare tanti consigli di bellezza per scegliere il taglio o l'acconciatura giusti non solo nella vita di tutti i giorni, ma anche nelle occasioni più importanti: si sta per avvicinare il giorno del vostro matrimonio e le vostre idee risultano ancora troppo confuse e fumose? Bene, allora dovete sapere che su questo portale vi è una galleria dedicata esclusivamente ai tagli di capelli per il giorno del fatidico si! Ma non solo! Da consultare sono anche le sezioni dedicate ai prodotti per la modellatura o quelli per la cura adeguata dei capelli, per preservare la vostra chioma inalterata nel tempo e conservare lucentezza, brillantezza e vitalità nonostante il tran tran quotidiano!

Consultando questo spazio sul web dedicato al mondo dei capelli troverete tanti preziosissimi suggerimenti di stile per effettuare i tagli che più vi piacciono e scegliere quello che più fa per voi tra quelli eleganti, lunghi, corti proposti! Tante idee per stare al passo con i tempi, perché gli hair cut che troverete, sono quelli che più fanno tendenza, avvistati cioè sulle teste delle celebrities internazionali o sulle recenti passerelle moda!

E per finire. Prima di fare scelte di cui potreste pentirvene, non dimenticate di dare uno sguardo alla sezione dedicata ai pro ed ai contro dei capelli lunghi e corti. Gli esperti consigliano, prima di effettuare un qualsivoglia hair cut, di informarsi accuratamente riguardo agli svantaggi ed ai vantaggi ad esso collegati: forma del viso, fisico, statura, colore della pelle, densità e consistenza dei capelli, larghezza delle spalle, tipologia di attività professionale sono tutti aspetti importantissimi da prendere in considerazione e da non trascurare prima di darci un taglio! Conviene informarsi in tempo, per evitare pentimenti e delusioni, non trovate?

Storia professionale di Stefano Nesti, International Development Director

Stefano Nesti, professionista attivo nel campo dell’online betting, dopo aver ricoperto importanti incarichi nel mondo del real estate, è dal 2014 International Development Director per la società Logispin UK Limited.

Stefano Nesti, manager di origini toscane, azionista e International Development Director

Nato in terra toscana nel 1954, più precisamente nella provincia di Pistoia, Stefano Nesti si forma a Milano dove consegue il diploma in ragioneria e lavora per diverse compagnie nel comparto immobiliare, iniziando a ricoprire ben presto incarichi direttivi. Nel 1994 torna a Pistoia proseguendo il proprio percorso nel real estate, chiamato a ricoprire il ruolo di CEO per Teorema S.r.l. e successivamente per SOVIC S.r.l. Nel 2009 cambia ambito professionale, diventando dapprima azionista di minoranza della società austriaca GB invest Holding AG, e poi comprando l'intera quota azionaria sul finire dello stesso anno. Si sposta quindi a Innsbruck, sede della controllata GoldBet Sportwetten GmbH, incaricato di guidare quest'ultima in qualità di Amministratore Delegato e di dare l'avvio alla ristrutturazione aziendale. Stefano Nesti si occupa così del processo d'internazionalizzazione, portandola nel 2014 alla fusione con la londinese Logispin UK Limited e diventando nel contempo International Development Director per la stessa. L'anno successivo cede il 100% delle azioni della società al figlio, occupandosi della diversificazione delle attività, portando così a compimento nei primi mesi del 2015 la regolarizzazione e l'arrivo sul sistema concessorio italiano.

L'esperienza di Stefano Nesti in Logispin UK Limited

Il manager toscano Stefano Nesti entra a far parte della società londinese Logispin UK Limited nel 2014, in seguito alla fusione con l'austriaca GoldBet Sportwetten GmbH. Nata nel 2009, l'azienda inglese è specializzata nel gaming online e nella fornitura di software ad aziende terze. Dopo lo sbarco nel sistema concessorio italiano, la società si è ritagliata una posizione di successo nel settore, distinguendosi per prodotti, capacità commerciali e innovazione. Attenta a ogni fase di realizzazione del software, dal design, allo sviluppo e la gestione, Logispin UK Limited emerge nel campo dell'online betting e del gaming grazie all'assistenza post-vendita dedicata ai clienti e alla realizzazione di una grande varietà di prodotti: sistemi di pagamento, programmi di back office, gestione e analisi delle statistiche commerciali, anti frode e Console Trading.

Roberto Casula al Politecnico di Torino per la task force sul cambiamento climatico

Eni sceglie il proprio Chief Development Operations & Technology Officer, Roberto Casula, come portavoce in merito alle politiche aziendali sulle tematiche del cambiamento climatico e riscaldamento globale, discusse in occasione dell'incontro ospitato dal Politecnico di Torino.

Roberto Casula relatore contro il riscaldamento globale

Roberto Casula, Chief Development Operations & Technology Officer di EniSvoltosi presso l'Aula Magna del Politecnico di Torino, l'incontro dedicato alla discussione sui cambiamenti climatici mondiali ha ospitato nomi di spicco dei settori economico, industriale e accademico, che si sono confrontati sulle modalità per creare una sinergia tra scienza e tecnologia al fine di contrastare in maniera efficace il fenomeno del riscaldamento globale. Organizzata in occasione del lancio del Centre for Sustainable Futures dell'Istituto italiano di Tecnologia, la manifestazione ha visto la partecipazione, tra gli altri, del Chief Development Operations & Technology Officer di Eni, Roberto Casula, il quale ha spiegato la strategia aziendale rivolta a una maggiore sensibilità ambientale, che ha infatti portato Eni a far parte della Task Force on Climate-related Financial Disclosures - TCFD. Già in passato Roberto Casula ha preso parte al MIT Center for Global Change Science di Cambridge, facendosi portavoce dell'impegno di Eni rivolto alla lotta per la salvaguardia dell'ambiente.

Background professionale di Roberto Casula

Laureatosi presso l'Università degli Studi di Cagliari in Ingegneria Mineraria, Roberto Casula entra in Agip S.p.A. nel 1988. Supera, nel frattempo l'Esame di Stato che lo abilita alla pratica professionale e inizia il proprio percorso all'interno di Eni, dove opera inizialmente come Reservoir Engineer, per poi occuparsi delle controllate poste nei territori Africani e Mediorientali, arrivando a ricoprire ruoli manageriali, come quelli di Managing Director per Eni Nord Africa BV in Libia, nel biennio 2005-2007, e Responsabile delle attività operative in Africa subsahariana con la qualifica di Senior Vice President. Ottiene nel 2011 la nomina a Executive Vice President per la Divisione Exploration & Production di Eni, mentre nel 2014 Roberto Casula riceve l'incarico che tutt'oggi svolge, ovvero quello di Chief Development, Operations & Technology Officer.

Carriere: Nicola Orazzini, dalle banche a L.M. Consult S.r.l. e Orazzini & Associati S.r.l.

Specializzato nella consulenza finanziaria, il manager Nicola Orazzini ha ideato e sviluppato AreAlibera, un social civile per Amministratori Pubblici e cittadini che si configura come la prima pratica di e-partecipation in Italia.

Nicola Orazzini: studi in materia di e-partecipation e sviluppo del social AreALibera

Nicola Orazzini, Amministratore di Orazzini & Associati S.r.l. e L.M. Consult S.r.l.Professionista del settore consulenziale, Nicola Orazzini oltre a guidare le società da lui fondate di recente, Orazzini & Associati S.r.l. e L.M. Consult S.r.l., si dedica allo studio di una pratica già ampiamente diffusa in Europa e nel mondo: l'e-partecipation. Si tratta del coinvolgimento dei cittadini nelle scelte politiche attraverso Internet e altre tecnologie. Progetti del genere sono stati già avviati nel Regno Unito, in Scozia e in Germania: a Berlino, nel distretto di Lichtenberg, già nel 2003 è stato sperimentato con successo il bilancio partecipativo online, che consente ai cittadini di decidere dove destinare una parte delle risorse. In questa ottica Nicola Orazzini ha sviluppato il primo esempio di e-partecipation italiano. È AreALibera, un social civile che consente ai cittadini e ai Pubblici Amministratori di interagire scambiandosi idee, progetti e segnalazioni relativi alle realtà in cui operano e vivono quotidianamente. Partito in Toscana, sta ottenendo un riscontro più che positivo.

Nicola Orazzini: il profilo professionale del manager

La carriera di Nicola Orazzini, laureato in Economia e Commercio e Sociologia, comincia nel 1981, quando entra nella filiale livornese di Credito Italiano. L'istituto fa da sfondo alla sua importante crescita professionale: negli anni Novanta diventa infatti Vicedirettore delle Filiali di Cagliari e Piacenza e in seguito Direttore di quelle di Faenza, Firenze e Prato. Nel 1999 viene incaricato di guidare la Direzione Commerciale dell'Area Corporate per le regioni Liguria e Sardegna e tra il 2001 e il 2002 diventa Direttore Regionale dell'Area Corporate di Milano. In Unicredit, nata dalla fusione con Unicredito, ricopre la posizione di Vicedirettore Generale. Nel 2005 passa a Unipol Gruppo Finanziario, dove diventa Direttore Generale. Negli ultimi anni Nicola Orazzini ha intrapreso un percorso in ambito manageriale: nel 2009 ha fondato Orazzini & Associati S.r.l., specializzata in riorganizzazioni aziendali e turnaround, e nel 2013 L.M. Consult S.r.l., che fornisce consulenze alle PMI nell'ambito della direzione e della mediazione creditizia.

Francesco Starace: innovazione e sostenibilità nel futuro di Enel

Per Francesco Starace, Amministratore Delegato di Enel, il futuro sarà all'insegna dell'innovazione e della sostenibilità: occorre collaborare per prepararsi alle sfide che riguarderanno in futuro le aziende e la società.
Francesco Starace, AD di Enel

L'AD di Enel Francesco Starace: "Le sfide future si vinceranno grazie alla collaborazione"

Anche l'AD di Enel Francesco Starace ha portato il suo contributo al blog "Development Matters", dove politici, CEO, opinion leader e rappresentanti della società civile di fama internazionale condividono il loro pensiero in materia di sviluppo economico e politico. Nel suo articolo il manager invita ad accettare i repentini cambiamenti che stanno investendo il mondo, in gran parte dovuti alla digitalizzazione. Accettarli significa anche formulare strategie funzionali a vincere le nuove sfide che la società dovrà affrontare in futuro: non a caso l'UNRIC ha individuato diciassette obiettivi nell'Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile. Per l'AD di Enel la risposta più efficace è la collaborazione: da sola nessuna azienda sarebbe in grado di raggiungere uno di questi obiettivi. Ma questa non può esistere se alla base manca una buona capacità d'ascolto delle idee e dei diversi punti di vista di tutti i soggetti coinvolti. Collaborazione e ascolto per le aziende sono determinanti per realizzare progetti capaci di coniugare innovazione e sostenibilità: il "legame indissolubile" tra questi due concetti, come lo ha definito l'AD di Enel, alimenterà le sfide che le imprese saranno chiamate a fronteggiare nei prossimi anni. In merito Francesco Starace cita Ollagüe, il progetto realizzato da Enel in un piccolo villaggio in cima alle Ande, al confine tra Cile e Bolivia, dove è stata realizzata una centrale elettrica ibrida: lo stoccaggio, l'energia solare ed eolica di 1 538 pannelli fotovoltaici e una turbina eolica integrati in un sistema off-grid innovativo e sostenibile che fornisce accesso costante all'energia alla comunità locale. La realizzazione ha richiesto sin dalle prime fasi di analisi, progettazione e gestione il coinvolgimento di autorità e abitanti del territorio e delle università di Antofagasta e del Cile. Per questo a Ollagüe convivono collaborazione, ascolto, innovazione e sostenibilità, quei principi che l'AD di Enel considera fondamentali per prepararsi ai cambiamenti del futuro.

Francesco Starace: il profilo professionale dell'AD di Enel

Amministratore Delegato e Direttore Generale di Enel da maggio 2014, Francesco Starace entra nel gruppo nel 2000. Laureato in Ingegneria Nucleare presso il Politecnico di Milano, in precedenza si è occupato della costruzione e della gestione di impianti di generazione elettrica in General Electric e ABB Group. Ha inoltre ricoperto il ruolo di responsabile delle vendite globali per la Divisione turbine a gas in Alstom Power Corporation, lavorando in Arabia Saudita, Egitto, Bulgaria e Stati Uniti. Forte di una tale esperienza professionale, in Enel il manager ricopre fin da subito incarichi di rilievo. Tra il 2002 e il 2005 è Direttore dell'Area di Business Power e in seguito guida la Divisione Mercato. Ma è nel 2008, quando viene chiamato ad avviare Enel Green Power, neonata società del gruppo specializzata nella produzione di energia da fonti rinnovabili, che ha modo di mettere ulteriormente in luce le proprie competenze in ambito manageriale. I risultati conseguiti, tra cui la quotazione sui listini delle Borse di Milano e Madrid, lo portano a ottenere la fiducia del Cda dell'azienda che nel 2014 lo nomina Amministratore Delegato e Direttore Generale. Il mandato di Francesco Starace è stato rinnovato in marzo 2017 dal MEF.

L’assemblea degli azionisti di Eni conferisce un nuovo mandato all’Amministratore Delegato Claudio Descalzi

L'assemblea degli azionisti di Eni, riunitasi a Roma il 13 aprile, ha confermato i suoi vertici: Claudio Descalzi ed Emma Marcegaglia rimarranno rispettivamente Amministratore Delegato e Presidente del colosso energetico.

Eni: Claudio Descalzi confermato come Amministratore Delegato

Claudio Descalzi, AD di EniClaudio Descalzi ed Emma Marcegaglia rimangono rispettivamente Amministratore Delegato e Presidente di Eni: lo ha confermato l'assemblea degli azionisti, svoltasi a Roma il 13 aprile. Il vertice ha dato l'occasione ai manager di illustrare, inoltre, i risultati raggiunti nel triennio sotto la loro gestione e di delineare le strategie future del gruppo. Il modello Eni si è basato nel corso degli ultimi anni su una logica finalizzata non al profitto immediato ma alla creazione di valore sul lungo periodo all'insegna della "sostenibilità sociale e ambientale". Rischio manageriale, competenze e innovazione, compliance sono i pilastri intorno ai quali si è sviluppato il gruppo energetico e che ne hanno contraddistinto il modello. In particolare, in materia di sicurezza, Eni ha registrato un grande cambio di rotta: dal dato di 0,94 infortuni per milioni di ore lavorate, è passata nel 2016 a 0,35, segnando una riduzione del 51%. Un risultato che differenzia il gruppo dagli altri competitor, che si attestano su una media di 1,1 infortuni per ore lavorate. Claudio Descalzi ha poi affrontato il tema delle emissioni, sottolineando una riduzione negli ultimi anni della produzione di CO2 del 9%. In chiusura, ha ricordato i risultati da record conseguiti nel 2016, nonostante la crisi del comparto petrolifero: 1,1 miliardi di barili di petrolio grazie agli investimenti nell'esplorazione; abbattimento dei costi di gestione operativa; 193% di rimpiazzo delle riserve, la più alta percentuale raggiunta dalla società; la cessione del giacimento a gas offshore di Zohr.

Claudio Descalzi: esperienze e incarichi professionali

Laureatosi in Fisica presso l'Università degli Studi di Milano nel 1979, Claudio Descalzi avvia la sua carriera professionale in Eni due anni più tardi, inizialmente in qualità di Ingegnere di giacimento. Divenuto Project Manager per lo sviluppo delle attività nel Mare del Nord, in Libia, Nigeria e Congo, nel 1990 cambia nuovamente ruolo, assumendo la carica di Responsabile delle attività operative e di giacimento in Italia. Managing Director della consociata Eni in Congo dal 1994 al 1998, diviene successivamente Vice Chairman & Managing Director di Naoc, in Nigeria. Nella prima decade del 2000 assume incarichi di progressiva responsabilità: Direttore dell'area geografica Africa, Medio Oriente e Cina (2000 - 2001), Direttore dell'area geografica Italia, Africa e Medio Oriente (2002 - 2005) e Vice Direttore Generale di Eni - Divisione Exploration & Production (2005 - 2008). Prima di diventare Amministratore Delegato di Eni, Claudio Descalzi è stato Presidente di Assomineraria (2006 - 2014), Chief Operating Officer di Eni - Divisione Exploration & Production (2008 - 2014) e Presidente di Eni UK (2010 - 2014).

Percorso lavorativo di Carlo Malinconico

Carlo Malinconico, giurista e funzionario italiano, vanta una lunga carriera nel settore giuridico, con prestigiose cariche all'interno della Pubblica Amministrazione. Nel 2003 ha dato vita allo Studio Legale Malinconico, "boutique legale" specializzata nel campo del diritto amministrativo e del diritto dell'Unione europea.

Esperienze e competenze dell'avvocato Carlo Malinconico

Carlo Malinconico, Titolare dello Studio Legale MalinconicoDopo aver conseguito la Laurea in Giurisprudenza, Carlo Malinconico inizia il proprio percorso professionale nel 1976, quando, una volta superato il concorso pubblico, diventa Procuratore dello Stato e Uditore Giudiziario. Nel 1980 assume il ruolo di Avvocato dello Stato di Milano, posizione che riveste fino al 1985. Successivamente e fino al 2002 è Consigliere di Stato grazie al primo posto ottenuto nella graduatoria del concorso pubblico più difficoltoso di tutti. In seguito, Carlo Malinconico avvia la carriera di docente universitario, inizialmente insegnando all'Università degli Studi di Udine e più avanti all'Università di Roma "Tor Vergata". Durante il proprio iter lavorativo ha ricoperto prestigiose cariche all'interno della Pubblica Amministrazione, acquisendo specifiche competenze inerenti al diritto pubblico dell'economia e alle discipline delle fonti di energia. Negli anni è stato capo del Dipartimento della Presidenza del Consiglio che coordina l'attività legislativa del Governo (dal 1996 al 2001), Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega all'editoria, agli affari regionali e al coordinamento amministrativo (2011-2012) e Segretario generale della Presidenza del Consiglio (dal 2006 al 2008). Nel 2008 diventa Presidente della Federazione Italiana Editori Giornali, carica che lascia nel 2011 per la nomina a Sottosegretario.

Caratteristiche dello Studio Legale fondato da Carlo Malinconico

Nel 2003 Carlo Malinconico fonda lo Studio Legale Malinconico, "boutique legale" che ha nel diritto amministrativo il principale ambito di intervento. Lo studio prevede l'assistenza legale di persone fisiche, amministrazioni pubbliche, imprese pubbliche e private. La consulenza ai clienti viene garantita sia nei rapporti con le autorità di vigilanza e con quelle amministrative indipendenti, sia nella fase dei procedimenti amministrativi e nel contenzioso. Nello specifico, lo studio guidato da Carlo Malinconico è specializzato in attività di tutela del consumatore e antitrust, di diritto dell'Unione europea, degli appalti, dell'energia, ambientale e dei servizi pubblici. Durante gli anni, lo studio ha sviluppato competenze legate al settore degli appalti e delle concessioni, nel diritto urbanistico e delle espropriazioni, nel diritto dei trasporti, delle concessioni autostradali, nel partenariato pubblico e privato, nella finanza di progetto e nel settore delle telecomunicazioni. Lo Studio Legale Malinconico nel 2015 ha vinto il prestigioso Premio "Le Fonti" come boutique di eccellenza dell'anno nel settore del diritto amministrativo.

Programma Garanzia Giovani per l’attivazione di 1.560 tirocini: Humangest di Gianluca Zelli collabora con la Regione Abruzzo

Nuova proposta per gli iscritti al programma Garanzia Giovani: 1.560 i tirocini formativi extracurriculari attivati dalla Regione Abruzzo e Humangest, società guidata da Gianluca Zelli, in qualità di soggetto attuatore accreditato si occupa di attivazione e gestione della Misura.
Gianluca Zelli, Amministratore Unico di SGB Humangest Holding

Garanzia Giovani: Humangest, società guidata da Gianluca Zelli, in qualità di soggetto attuatore accreditato si occupa di attivazione e gestione della Misura.

Nell'ambito del programma Garanzia Giovani, la Regione Abruzzo ha attivato un nuovo bando per la promozione di 1.560 tirocini extracurriculari e, fra le società che si occupano della gestione della misura c'è anche Humangest, guidata dall'Amministratore Unico Gianluca Zelli e attiva nel settore delle Risorse Umane. Destinatari del bando da una parte i giovani disoccupati di età inferiore ai 30 anni interessati alla proposta, dall'altra i datori di lavoro disposti a proporsi come soggetti ospitanti dei tirocini. I progetti formativi, che avranno un orario variabile tra le 80 e le 120 ore complessive, si svolgeranno nell'arco di 6 mesi e saranno avviati il giorno 1 del mese. Humangest si occuperà della gestione burocratica e amministrativa di attivazione del tirocinio, della selezione delle candidature e fornirà supporto nella richiesta di rimborso in Regione. Il budget complessivo dell'intervento è di 3,8 milioni di Euro e l'obiettivo è quello di dare una serie di importanti strumenti ai giovani disoccupati per potersi affacciare sul mercato del lavoro.

Gianluca Zelli: competenze e incarichi professionali dell'Amministratore Unico di SGB Humangest Holding S.r.l.

Gianluca Zelli, classe 1973, originario di Rieti, ha seguito un iter professionale che lo ha portato a specializzarsi nella gestione delle Risorse Umane. Tra le prime esperienze di rilievo si segnala quella presso Adecco S.p.A.: nel 1999 viene infatti assunto dalla società svizzera per occuparsi dello sviluppo di attività commerciali legate alle Human Resources prima come Direttore di Filiale e successivamente in qualità di National Key Account Pubblica Amministrazione e Direttore Commerciale Centro Sud. Passato momentaneamente al settore della sanità nel 2002, anno in cui viene nominato Direttore Generale di Novafin S.p.A., quattro anni più tardi fa ritorno nel suo ambito di competenza e accetta la sfida di Humangest S.p.A., società per la quale assume la carica di Amministratore Delegato. Gianluca Zelli cura lo startup della nuova realtà e, in pochi anni, la fa diventare leader del settore su scala nazionale. Forte dei risultati ottenuti, viene nominato Direttore Generale di Humansolution, controllata della Holding attiva in ambito consulenziale. Attualmente è Amministratore Unico di SGB Humangest Holding S.r.l.

lunedì 29 maggio 2017

La campagna “La Verità sulla Droga” promossa anche a Sarno.



Continua la sinergia tra la Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga e l’Associazione Nazionale No Aids Onlus  il cui  impegno sulla prevenzione  alla Droga le unisce  ancora una volta  il  1 giugno alle ore 16.30  a Sarno dove verrà presentato il kit della campagna “La Verità sulla Droga”.
L’evento si terrà nell’aula consiliare del Comune di Sarno che vedrà partecipe il suo primo cittadino a testimonianza di quanto sia importante intervenire con l’informazione corretta sulle droghe da promuovere ai giovani sarnesi.
La Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga è un’associazione di pubblica utilità, non a scopo di lucro, che dà ai giovani e agli adulti informazioni basate sui fatti in merito alla droga, affinché possano prendere decisioni consapevoli e vivere liberi dalla droga.
A nessuno, in particolare ai giovani, piace sentire la predica su ciò che si può o non si può fare. Perciò, noi forniamo le informazioni che permettono ai giovani di scegliere di non assumere droga in primo luogo. Per di più, la nostra campagna La Verità sulla Droga consiste di attività a cui possono unirsi per diffondere un modo di vivere libero dalla droga. Queste attività sono semplici, efficaci e possono coinvolgere persone di tutte le età.
Attraverso una rete globale di volontari, sono stati distribuiti 56 milioni di volantini educativi, sono state tenute decine di migliaia di manifestazioni di sensibilizzazione e prevenzione alla droga in 120 paesi e gli annunci di pubblica utilità de La Verità sulla Droga sono stati trasmessi in 275 stazioni televisive. Questi materiali ed attività hanno permesso a persone di tutto il mondo di conoscere gli effetti distruttivi delle droghe e decidere di non farne uso.  Come osserva l’umanitario L. Ron Hubbard: “Le droghe privano la vita delle gioie e delle sensazioni che sono, comunque, l’unico motivo del vivere”. Consapevoli delle profonde implicazioni di questa semplice ma vera constatazione, i volontari della fondazione intendono far alzare la guardia a chi non fa uso di droga e dare speranza a chi, facendone uso, può smettere.
Questa Fondazione fornisce le informazioni di cui hai bisogno per dare inizio ad un’attività di prevenzione e informazione de La Verità sulla Droga nella tua zona.
Per informazioni : Sandro 320/3279269