AbcRoma e AbcFirenze portali di Roma e Firenze con monumenti, musei, hotel, ristoranti, cinema, shopping, meteo, eventi, ...
AbcAlberghi e AbcPrezzi portali per trovare e confrontare le migliori offerte degli alberghi e dei negozi on line.

Benvenuto

Questo è uno spazio dove è possibile pubblicare gratuitamente articoli, comunicati stampa e recensioni.
Cosa significa questo? Aumentare la tua popolarità e quella dei tuoi prodotti a costo zero!
Con l'article marketing i tuoi articoli verranno resi disponibili, gratuitamente, a chiunque voglia ridistribuirli sul proprio sito internet.

martedì 31 gennaio 2017

11 ragazzi marchigiani passano le selezioni del “Sanremo Music Awards” e volano in finale a Sanremo

Le Marche protagoniste a Sanremo per merito di 11 giovani promesse della musica: Serena Carella di Casette d’Ete, Chiara Misticoni di San Benedetto del Tronto, Alice Rosati di Civitanova Marche, Sara Paniccià di Amandola, Francesca Marconi di San Benedetto del Tronto, Eris Castro Molina di Civitanova Marche, Michele Mobbili di Petriolo, Stefano Acciarresi di Sant’Elpidio a Mare, Elisa Fioretti di Montegranaro, Silvia Filiaci di San Benedetto del Tronto e Sara Bettarelli di Loreto hanno passato le selezioni regionali nelle Marche e volano l’11.Febbraio.2017 a Sanremo per la finale del prestigioso concorso. Tante le speranze per questi giovani di conquistare uno dei 14 Awards che ogni anno il concorso assegna ai giovani vincitori, ma quest’anno c’è qualcosa di più; tra tutti i finalisti verranno scelti diversi artisti per partecipare al “Laboratorio del Sanremo Music Awards”, una sorta di cooperativa tra studi di registrazione, produttori, agenzie di spettacolo, etichette indipendenti, radio, giornali, televisioni e tutti i ragazzi scelti al fine di realizzare prodotti discografici da immettere sul mercato, promozione e distribuzione compresa, il tutto a costo zero per l’artista. Un’ulteriore occasione per i giovani talenti di avere in un solo colpo produttore, agenzia, studio di registrazione dove incidere i suoi brani e promozione del CD. Un’idea questa del Patron Nicola Convertino sempre impegnato a ricercare nell’ambito della musica nuove idee e nuovi sbocchi per i talenti che molto spesso vengono rifiutati dalla Major discografiche, e rimangono anonimi nonostante siano validi quanto quelli che vediamo nelle classifiche. Nei 16 anni di longevità del concorso questo è il primo anno che vengono realizzate delle finali marchigiane e a dire del Patron sono state proficue dato che ben 11 ragazzi hanno avuto il passaggio a Sanremo, merito anche del CAD Sociale di San Benedetto nella persona di Stefano Agranni che ha organizzato e selezioni e di Alessia Ripani e Manola Morlacco che hanno fatto da vere e proprie Talent Scout.












Enel punta su Tel Aviv: la società guidata da Francesco Starace lancia il suo hub per l’innovazione

Importante investimento di Enel a Tel Aviv: la società guidata da Francesco Starace lancerà il suo hub per l’innovazione proprio nella Silicon Valley del Mediterraneo, location ideale per capire dove va il futuro e trarne beneficio.

Francesco Starace: il lancio dell'hub per l'innovazione di Enel a Tel Aviv

Francesco StaraceNuova Silicon Valley del Mediterraneo e terra promessa degli start upper di tutto il mondo, Tel Aviv rappresenta il luogo ideale per poter investire sul medio e lungo periodo. Città giovanissima, predisposta naturalmente alla creatività, è un punto di riferimento per chi voglia portare idee e trovare capitali freschi per lo sviluppo del proprio business. Questi elementi hanno spinto Enel a lanciare qui il suo hub per l'innovazione, realizzato in collaborazione con Sosa & The Junction, importante community israeliana attenta alle start up (ne ospita già una settantina). L'Amministratore Delegato Francesco Starace ha infatti sottolineato come Tel Aviv sia il luogo più adatto per capire dove va il futuro e trarne beneficio, un ambiente proiettato verso l'innovazione, componente fondamentale per sopravvivere e poter competere. L'intervento di Enel non sarà legato a investimenti diretti nelle start up ma sarà mediato dai fondi di venture capital con i quali ha siglato degli accordi. Eran Levi, manager alla guida dell'acceleratore di AT&t, è stato scelto come persona chiave per la gestione del progetto. I prossimi hub saranno invece collocati, sempre quest'anno, negli Stati Uniti e a Singapore.

Francesco Starace: gli incarichi professionali e la gestione del Gruppo Enel

Originario di Roma, classe 1955, Francesco Starace è laureato in Ingegneria Nucleare presso il Politecnico di Milano. Amministratore Delegato e Direttore Generale del Gruppo Enel dal 2014, arriva al colosso energetico dopo un percorso che lo porta a ricoprire incarichi di crescente responsabilità. Nel 1981 viene assunto come analista della sicurezza degli impianti elettronucleari da NIRA Ansaldo. In SAE Sadelmi occupa numerose posizioni manageriali in Italia, Stati Uniti, Arabia ed Egitto, prima di passare ad ABB e SOIMI in qualità di Direttore Generale. Tra il 1997 e il 1998 è Amministratore Delegato di ABB Combustion Engineering Italia e, fino al 2000, Senior Vice President delle vendite globali e impianti chiavi in mano per la divisione turbine a gas di Alstom Power. In Enel ricopre inizialmente la carica di Responsabile dell'Energy Management di Enel Produzione S.p.A., divenendo in seguito Responsabile dell'area di Business Power (2002-2005), Direttore della Divisione Mercato Italia, Direttore della Divisione Energie Rinnovabili e, nel 2008, Amministratore Delegato di Enel Green Power. Per le sue capacità manageriali, Francesco Starace è stato insignito negli anni di importanti riconoscimenti quali il Premio Manager Utilities (2010), il Premio Scacchi e strategie aziendali (2011) e il Premio Energia Sostenibile (2013). Nel 2016 la rivista «Staffetta Quotidiana» lo ha eletto come «Uomo dell'anno».

La febbre dell'Oro sta tornando? Osserviamo il trend del metallo giallo nel lungo termine con l'analisi tecnica

Previsioni Oro nel lungo termine mediante la tecnica di W.D.Gann

Analisi tecnica e previsioni Oro attraverso i cicli di Gann.

Andamento e previsioni ciclica quotazioni Oro lungo periodo












 Il periodo tra il 2001 ed il 2011 e' stato contrassegnato da una forte bolla speculativa che ha visto il valore dell'Oro scambiarsi da un valore di 253 dollari l'oncia fino ad un massimo di 1.920 dollari circa. I fattori che hanno contribuito al forte incremento dei prezzi sono molteplici, se da un lato i paesi orientali quali Cina e India ne hanno richiesto una maggior consumo, dall'altro l'incertezza delle borse europee ne hanno fatto simbolo del bene rifugio per eccellenza. Tale speculazione rimane ancora più sorprendente osservando i prezzi nel ventennio precedente tra il 1980 ed il 2000: i prezzi hanno oscillato più o meno regolarmente all'interno di una fascia di prezzi tra circa 500 ed i 300 dollari: il top del 2011 corrisponde a circa 10 volte il prezzo del 1999!.
La bolla speculativa tuttavia dal 2012 ha cominciato a sgonfiarsi fino a giungere ai nostri giorni un minimo di 1.045 dollari l'oncia.  Come si può vedere dal grafico tuttavia il 2016 sembra essere stato lo start up per una nuova corsa all'Oro: il massimo raggiunto lo scorso anno a quota 1.375 dollari ha dato un segnale operativo di interruzione del ciclo ribassista e per una ripresa ciclica positiva.
Utilizzando la tecnica di uno dei più famosi economisti del XIX° secolo William Delbert Gann il 2017 sarà un anno focale per determinare il trend di lungo termine.
Previsioni Oro lungo periodo: i minimi dei prezzi del 2016 coincidono con supporti dinamici denominati Zero o angoli di Gann. Se i prezzi arriveranno ad una quotazione superiore a 1.390 dollari allora sarà confermata la spinta rialzista avviata nel 2016. Primi obiettivi prezzo 1.536 $; 1700 $ 
Se viceversa i prezzi arriveranno sotto 1.050 $ allora la bolla del primo decennio del 2000 si sgonfierà ulteriormente con prezzi di arrivo fino a 840$.
Gli studi con la tecnica di Gann sono stati realizzati grazi al software di borsa Top Trader (C) creato per applicare correttamente la teoria di Gann ed i cicli temporali.


 

sabato 28 gennaio 2017

FINE DELLA DISCRIMINAZIONE, ABBIAMO TUTTI GLI STESSI DIRITTI.

Il 27 gennaio si celebra la giornata della Memoria, indetta dalle Nazioni Unite il giorno 1 novembre 2005, perché in quel giorno del 1945 le truppe dell'Armata Rossa, impegnate nella offensiva Vistola-Oder in direzione della Germania, liberarono il campo di concentramento di Auschwitz.

E' una giorata per ricordare che il pregiudizio basato sulle differenze, di qualunque genere, che negli oscuri anni del nazismo era ammantato di un'aurea di scientificità con le bislacche teorie eugenetiche degli psichiatri Rudin,  porta solo l'orrore dell'uomo contro l'uomo. La storia ci tramanda infatti che l'eugenetica, principio fondamentale cui i nazisti si ispirarono, nacque ben prima del nazismo e non morì con esso. Il più influente ed importante scienziato dell'era Nazista fu certamente Ernst Rudin, che nel 1905 aveva fondato la "Società Tedesca per l'Igiene Razziale", assieme a suo cognato, lo psichiatra Alfred Ploetzl (1). Eletto presidente della "Federazione Internazionale delle Organizzazioni per l'Eugenetica" e del "Comitato per la Psichiatra Razziale" nel 1932 (2), con la salita al potere di Hitler nel 1933, Rudin comandò il programma capitanato da Heinrich Himmler per l'eliminazione di 375,000 cittadini tedeschi ritenuti "inferiori", che precedette l'olocausto (3).

E se ancora oggi esistesse un silente "olocausto" e una sordida "deportazione" dove i bambini vengono sottratti alle famiglie d'orgine per causa di bislacche "perizie" di "esperti"?

Questa è la riflessione lanciata dal Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani che domenica 29 gennaio dalle ore 15 celebra la Giornata della Memoria nell'auditorium della Chiesa di Scientology di Roma, in via della Maglianella 375. Il titolo dell'incontro è Fine della discriminazione, abbiamo tutti gli stessi diritti".

Ad intervenire sarà il vice presidente del CCDU Italia, Silvio De Fanti, seguito dal presidente di GESEF (Genitori Separati dai Figli) e da altri ospiti illustri, accademici e professori universitari.

Sarà un pomeriggio per riflettere e per ricordare che bisogna porre fine alle discriminazioni, non importa quale sia l'esperto che le appelli come "scientifiche". Sarà un pomeriggio per riflettere sul fatto che se la popolazione carceraria ammonta a 65 mila persone, forse 40 mila bambini sottratti alle famiglie d'origine sono un bilancio irreale, un tragico errore che mina la piu' importante tra le istituzioni della società, la famiglia, solo per motivo di bislacche perizie, di cui si porteranno esempi.

Sarà un pomeriggio per chiedere che non ci siano altri "auschwitz" di cui poco si parla e che invece dovrebbero essere noti. A tal proposito aiuta la memoria la citazione del Pastore Evangelico Martin Niemoeller, deportato a Dachau: “Prima vennero per gli ebrei e io non dissi nulla perché non ero ebreo. Poi vennero per i comunisti e io non dissi nulla perché non ero comunista. Poi vennero per i sindacalisti e io non dissi nulla perché non ero sindacalista. Poi vennero a prendere me. E non era rimasto più nessuno che potesse dire qualcosa.”

I regali per San Valentino

La festa degli innamorati si avvicina
Hai già scelto il regalo adatto?
Quanti i regali ricevuti, chiusi, e conservati per anni infondo all’armadio? tutti, prima o poi, ne riceviamo uno nella vita. Per non parlare di quelle donne e quegli uomini che per i regali sono proprio negati!
Niente paura, questo articolo ti aiuterà a scegliere un gioiello originale che lascerà il vostro partner senza parole!
Prima di tutto, fate attenzione ai look che il vostro partner ha sfoggiato fin ora: indossa tutti i tipi di gioielli? Porta gli orecchini, i bracciali o, nel caso degli uomini, indossa i gemelli? Utilizza i fermasoldi? Una volta capito da che parte orientarsi, fate attenzione alle caratteristiche dei gioielli che indossa, ad esempio il loro colore, la loro composizione e lavorazione e se questi sono incastonati con pietre o diamanti oppure no. Fatto? bene!

Regali pensati per lui:

Se non volete optare per un orologio, non disperate: le idee non mancano. Uno dei gioielli più gradito dagli uomini sono i gemelli da polso da indossare con le camicie. Questi piccoli dettagli completano un look donandogli un tocco di eleganza senza tempo. Se l’idea dei gemelli da polso vi piace, potete chiedere al vostro uomo di indossare una camicia nella vostra serata perfetta. Regalate, poi, dei gemelli da indossare la sera stessa. L’idea dei gemelli non vi entusiasma particolarmente? che ne dite di un fermasoldi? Ideale per un uomo nel bel mezzo della sua carriera. Anche i bracciali e le collane da uomo sono un’ottima alternativa. Scegliendone uno in base ai gusti del vostro uomo e al prezzo del gioiello potrete acquistare il regalo perfetto per lui presso una delle più affidabili. Bellissimi i bracciali con maglie in acciaio o fatti di cuoio o pelle. Ad ognuno il suo!

Regali pensati per lei:

Orecchini, ciondoli, collane, anelli, bracciali… fare il regalo a una donna è molto più semplice. Se però non volete impegnarvi tanto, date un’occhiate alle collane con ciondoli pendenti arricchiti da pietre preziose. Classica, la collana con nome. Se cercate una collana dal look sbarazzino, quello che fa per voi sono le collane lunghe, abbinandole al ciondolo che più vi piace per la vostra fidanzata.
Must resta il bracciale tennis, composto da pietre preziosi o diamanti nella sua versione originale. Luminoso, elegante, bellissimo. Di bracciali però ce ne sono un’infinità! Che aspetti a scegliere il tuo preferito? Questo tipo di gioiello è perfetto per una ricorrenza come San Valentino, ed è al tempo stesso, un bellissimo ricordo che la vostra amata potrebbe indossare sempre.
Ragazzi e ragazze, se avete letto fino in fondo questo articolo, vi comunico ufficialmente che non avete più scuse vendita gioielli online ! diciamo ufficialmente basta ai regali in fondo all’armadio

venerdì 27 gennaio 2017

King Holidays: romantico San Valentino sulle orme di Chopin

Roma, 26 gennaio 2017 – San Valentino, la festa degli innamorati, si avvicina sempre più. Per festeggiare al meglio la ricorrenza, King Holidays propone una collezione di romantiche idee di viaggio, perfette anche come regalo, alla scoperta dei luoghi che hanno segnato la vita di Fryderyk Chopin, compositore e pianista polacco, esponente di spicco del romanticismo musicale.

Si comincia con la romantica Varsavia: il mito musicale di Chopin è presente in ogni angolo della città. La più grande collezione al mondo dedicata al compositore si trova nel palazzo Ostrogski: ospita più di 7.000 “memorabilia” tra lettere private, fotografie, dipinti, gioielli e disegni. Assolutamente da non perdere il centro storico, con il Castello Reale che si affaccia sull’incantevole piazza Zamkowy, cuore del quartiere antico nella zona pedonale del centro, che include anche la cattedrale gotica di San Giovanni e i torrioni medievali. Da piazza Zamkowy si raggiunge la Strada Reale (Krakowskie Przedmieście) che conduce verso il Palazzo del Belvedere e il parco di Łazienki Królewskie, dove si può ammirare una grande statua dedicata a Chopin intorno alla quale si svolgono periodicamente eventi e concerti. Sempre nella zona centrale della città si trovano il Palazzo Kazimierzowski (l’Università Pubblica di Varsavia), che nell’Ottocento ospitava il liceo in cui Fryderyk studiava, e il Palazzo Prezydencki, sede della presidenza della Repubblica, dove l’artista tenne i suoi concerti da ragazzo. Nella Chiesa di Santa Croce è riposta l’urna contenente il cuore di Chopin, mentre a un’ora di auto da Varsavia si può visitare Zelazowa Wola, con la casa natale del musicista, che custodisce i ritratti di famiglia e i manoscritti originali.

Per visitare la capitale polacca, King Holidays propone pacchetti di 2 notti in Hotel 4 stelle con prima colazione a 319 euro con volo da Roma e a 299 euro con volo da Milano, tasse, quote di iscrizione e assicurazioni già incluse. Partenze dal 10 al 12 febbraio o dal 17 al 19 febbraio.
Informazioni su www.kingholidays.it – prenotazioni in tutte le agenzie di viaggi.

Un altro luogo cardine legato alla vita di Chopin è Parigi: Fryderyk trascorse nella capitale francese buona parte della sua esistenza, partecipando alla vita mondana della città, tra teatri dell'opera e caffè. Al Museo della Musica è possibile osservare da vicino uno dei pianoforti da lui utilizzati, mentre un suo celebre ritratto – dipinto dall’amico Eugene Delacroix – è esposto al Museo del Louvre. Parigi è sicuramente una delle città più romantiche del mondo, il posto perfetto dove trascorrere un weekend in coppia. Che sia la prima o l’ennesima visita, la città è sempre in grado di riservare emozionanti sorprese: si può passeggiare mano nella mano lungo la Senna o concedersi una crociera con tanto di cena a lume di candela accompagnati da un Notturno di Chopin. Un altro “must” per le coppie in visita a Parigi è la salita al Sacré-Cœur di Montmartre, da cui si gode di una vista impagabile sulla città, ancora più suggestiva se si sceglie il momento del tramonto. 

Per trascorrere San Valentino a Parigi, King Holidays propone pacchetti di 2 notti in Hotel 4 stelle con prima colazione a 429 euro con volo da Roma e a 399 euro con volo da Milano tasse, quote di iscrizione e assicurazioni incluse. Partenze dal 10 al 12 febbraio o dal 17 al 19 febbraio. Informazioni su www.kingholidays.it – prenotazioni in tutte le agenzie di viaggi.

La terza città che ha segnato la vita di Chopin è Praga: il compositore la visitò due volte tra il 1829 e il 1830. Proprio in quegli anni compose la Mazurka di Praga in sol maggiore, il cui manoscritto originale è conservato nelle sale del Museo Nazionale. Il cuore della capitale ceca è il celebre Ponte Carlo che sovrasta la Moldava: nella Piazza della Città Vecchia si possono ammirare l’orologio astronomico e la Chiesa di Santa Maria di Týn. Dopo essere saliti sulla Torre del municipio per osservare il panorama della città, ci si dirige verso la Torre delle Polveri, una delle storiche porte della città, vicino alla quale si trova la Casa Municipale, prestigioso edificio art nouveau di Praga. Da non perdere anche il quartiere ebraico e il Castello.

Le quote proposte da King Holidays per un weekend di 2 notti in Hotel 4 stelle con prima colazione e volo da Roma partono da 299 euro, 359 euro da Milano, tasse, quota di iscrizione e assicurazioni incluse. Partenze dal 10 al 12 febbraio o dal 17 al 19 febbraio. Informazioni su www.kingholidays.it – prenotazioni in tutte le agenzie di viaggi.

I migliori Dj internazionali sbarcano alla Pulse Arena di Nova Gorica




Nova Gorica, 27 gennaio 2017 - Più di 20 date già confermate e un calendario in costante aggiornamento: dopo Londra, Ibiza e Berlino i DJ più cool della scena internazionale approdano alla Pulse Arena di Nova Gorica, location unica nel suo genere in tutta Europa, dove il gioco viene reinterpretato in chiave social abbinando al piacere di sfidare la dea bendata l’atmosfera glamour e trascinante dei locali più trendy e alla moda.
Protagonista assoluta della Pulse Arena è la musica: una musica che “alza il battito”, come recita lo slogan del locale, aperto tutti i giorni fino a notte fonda. Durante il pomeriggio l’atmosfera è accogliente e rilassante, con musica ambiente e luci soffuse; dopo il tramonto comincia il party animato dai croupier-DJ, con musica dance, elettronica e commerciale abbinata a giochi di luce, effetti speciali e happening continui.
E se la musica non manca mai, il calendario delle serate prevede una serie di appuntamenti da non perdere con le stelle internazionali della consolle: dopo i party di inizio anno con DJ Cvere, Manuel Sabatini, Stefano Munari e Niki Belucci, il 28 gennaio sarà la volta di David Morales, re dell’house music statunitense.
Vincitore di un Grammy Award nel 1998 per il miglior remix, David Morales è stato recentemente tra i giurati di TOP DJ, talent show televisivo dedicato al mondo del clubbing e del dj-ing in onda su Italia 1; tra i suoi più grandi successi si annoverano il singolo del 1998 “Needin' u”, l’album “2 Worlds Collide” del 2004 e le collaborazioni in qualità di remixer con Michael Jackson, Mariah Carey, Jamiroquai, Aretha Franklin e molte altre stelle della musica.
Sabato 4 febbraio si prosegue con il sound di Dj Asal. Salvatore Angelucci – questo il suo nome all’anagrafe – è stato e rimane uno dei protagonisti più amati della storia del talk show televisivo Uomini e Donne. Di sicuro il suo trono è tra quelli che hanno più lasciato il segno ed entusiasmato il pubblico che segue con assiduità il programma di Maria De Filippi. La sua storia con Paola Frizziero prima, e quella con Karina Cascella poi, è stata molto seguita da chi ama la cronaca rosa. Chiusa la lunga parentesi in TV, Angelucci ha continuato a coltivare la sua passione giovanile per il mondo della musica e si è definitivamente affermato come deejay: dal 2014 dj Asal è uno dei resident della sala Titilla della discoteca Cocoricò di Riccione e ad oggi è uno degli artisti più apprezzati nel mondo dell’underground, tanto da esibirsi in numerosi locali nazionali e internazionali. La sua presenza nella Pulse Arena avviene in concomitanza con il Premier Million, uno dei tornei più importanti del
panorama pokeristico internazionale che si svolgerà dal 2 al 7 febbraio presso la Poker Room del Perla Casinò & Hotel. L’evento, sponsorizzato da Premier Events, garantisce 1.000.000 di euro di montepremi complessivo, dei quali 300.000 destinati al vincitore del Main Event.
Appena confermato infine anche l’arrivo di Claptone: l’enigmatico DJ dalla maschera dorata animerà la Pulse Arena il 18 febbraio al ritmo di house music con i pezzi dell’ultimo album “The Masquerade Mixed By Claptone”.

CALENDARIO COMPLETO DJ SET PULSE ARENA

GENNAIO
27/1 DJ Cvere
28/1 David Morales + Simon Adams

FEBBRAIO
3/2 DJ Cvere
4/2 Cocoricò official event – DJ Asal
10/2 Stefano Munari
11/2 Be Cool night
17/2 DJ Cvere
18/2 Claptone + Simon Adams
24/2 Master Dee
25/2 Gianfranco Amodio

PULSE ARENA c/o PERLA CASINO’ & HOTEL
Kidričeva, 7 – Nova Gorica (SLO)
APERTA TUTTI I GIORNI
dal lunedì al giovedì 15:00–2:00; venerdì e sabato 15:00–4:00; domenica e festivi 11:00–24:00

Sostenibilità sociale e ambientale: l’impegno di Eni nelle parole dell’AD Claudio Descalzi

Da sempre attenta a incentivare la sostenibilità ambientale e sociale nei Paesi in cui opera, Eni si pone questi obiettivi anche nei prossimi anni: ad illustrare alla comunità finanziaria il modello integrato per lo sviluppo sostenibile delle risorse energetiche del Gruppo è stato l'Amministratore Delegato Claudio Descalzi nel corso di un evento organizzato a Parigi lo scorso 30 settembre.

L'AD Claudio Descalzi presenta a Parigi l'Environment social and governance model di Eni

Claudio Descalzi, Amministratore Delegato di EniDavanti alla comunità finanziaria riunitasi a Parigi lo scorso 30 settembre per la presentazione dell'Environment social and governance model di Eni, l'Amministratore Delegato Claudio Descalzi ha illustrato il nuovo modello societario che coniuga solidità finanziaria e sostenibilità ambientale e sociale: "La sfida cruciale del settore energetico è il bilanciamento tra la massimizzazione dell'accesso all'energia e la lotta al cambiamento climatico" ha dichiarato il manager, aggiungendo che il Gruppo petrolifero punta a un "percorso chiaro e definito verso la decarbonizzazione" nei Paesi in cui opera attraverso una strategia di cooperazione e sviluppo attenta all'impatto sociale e ambientale delle proprie attività. In particolare dopo aver finanziato progetti a sostegno delle popolazioni locali (agricoli, di accesso all'acqua, cura della salute e altri relativi all'educazione) per circa 600 milioni di dollari tra il 2010 e il 2015, Eni è pronta a investirne altrettanti nei prossimi quattro anni, raggiungendo quindi il miliardo di Euro. Claudio Descalzi ha poi ricordato i progetti in 11 Paesi che assicurano l'approvvigionamento idrico a circa 130 mila persone e quelli formativi che hanno coinvolto circa 90 mila studenti tra Mozambico, Kazakhstan, Nigeria e Congo. In Italia la società ha avviato il "Progetto Italia", che si pone l'obiettivo di realizzare interventi nell'ambito delle rinnovabili utilizzando aree industriali di proprietà. L'AD di Eni ha infine annunciato sei nuovi investimenti nelle energie rinnovabili per 150 MW entro l'anno: gli impianti entreranno in funzione prima del 2018.

Eni: il percorso professionale dell'AD Claudio Descalzi

Nato a Milano nel 1955, Claudio Descalzi si laurea in Fisica all'Università degli Studi di Milano e nel 1981 entra in Eni lavorando inizialmente come Ingegnere di giacimento. Si distingue all'interno del Gruppo petrolifero e ben presto diventa Project Manager per lo sviluppo delle attività nel Mare del Nord, Libia, Nigeria e Congo. Promosso Responsabile delle attività operative e di giacimento in Italia nel 1990, ricopre questo incarico per quattro anni e successivamente viene scelto per guidare la consociata del Gruppo in Congo. Il raggiungimento di risultati rilevanti lo porta nel 1998 a diventare Vice Chairman & Managing Director della filiale nigeriana. Tornato in Italia nel 2000, dirige prima l'area geografica Africa, Medio Oriente e Cina e poi quella Italia, Africa e Medio Oriente: nel 2005 diventa Vice Direttore Generale della Divisione Exploration & Production, carica che ricopre fino al 2008 quando viene nominato Chief Operating Officer del Gruppo. Tra il 2010 e il 2014 è Presidente di Eni UK. Nel maggio 2014 Claudio Descalzi viene nominato Amministratore Delegato di Eni. Il Top Manager è il primo europeo ad essere stato insignito nel 2012 del premio internazionale SPE/AIME "Charles F. Rand Memorial Gold Medal 2012" nel settore dell'Oil & Gas.

Premier Million: 1.000.000 di euro in palio al Casinò Perla

Nova Gorica, 26 gennaio 2017 - Il grande poker, fatto di strategie, colpi di scena, esperienza e adrenalina, torna protagonista al Casinò Perla di Nova Gorica, che dal 2 al 7 febbraio ospiterà nella sua Poker Room il Premier Million, torneo internazionale di poker organizzato da Premier Events. In palio un montepremi garantito di 1 milione di euro, con 300.000 euro garantiti per il vincitore del Main Event: una cifra entusiasmante per tutto il settore, che ha già richiamato gli appassionati di tutta Europa a Nova Gorica.
La macchina organizzativa si è messa in moto già da qualche mese e, come di consueto, ha visto il coinvolgimento di tutti gli operatori del territorio, tanto in Slovenia quanto in Italia: al momento gli hotel del Gruppo Hit, ovvero il Perla, il Park, il Lipa e il Sabotin, sono sold out, e dall’organizzazione ci informano che anche gli alberghi esterni, fino ad un raggio di 30Km dal Perla Casinò, sono al completo. Coinvolti anche tour operator e compagnie aeree, che hanno organizzato le trasferte dei giocatori, provenienti per la maggior parte da Italia, Austria, Francia, Spagna, Inghilterra, Romania, Ungheria ed altre nazioni dei Balcani.
Il programma delle gare viene anticipato da diversi tornei satellite ed ampliato con due Side Event. Grande suspense per l’inizio del Main Event: si comincia giovedì 2 febbraio alle 21:00 con il Day 1(A) che si disputerà fino a sabato 4 febbraio Day1(E); domenica 5 febbraio sarà la volta del Day 2(A+B), mentre lunedì 6 si svolgerà il Day 3 che condurrà al “Final Table” di martedì 7, quando nella tarda sera o notte sarà decretato il vincitore.
Tra le novità di quest’anno, il Premier Million Party, con il Guest DJ Asal, una festa straordinaria che si svolgerà nella serata di sabato 4 febbraio dalle 23:00 all’interno della Pulse Arena, la nuovissima location inaugurata al casinò Perla: l’evento, aperto anche al pubblico degli appassionati di musica, è organizzato da Premier Events in collaborazione con Hit Casinos e il Cocoricò di Riccione (18° discoteca al mondo).
“La storia, la tradizione, la musica, l’arte e tutte le altre componenti di un locale diventato leggenda per almeno 4 generazioni, sono il presupposto fondamentale nel confronto con i nostri competitor mondiali e nella scalata che stiamo facendo per cercare di entrare nei primi dieci club al mondo, non possiamo non tenere conto di essere presenti nelle manifestazioni più importanti d’Europa. Siamo stati scelti per rappresentare il divertimento nel week-end più importante dell’intrattenimento, so che il pubblico al quale ci affacceremo arriverà da ben 14 stati differenti. Nella storia della casa da gioco europea più prestigiosa che è il Perla Casinò, nei piani di un’azienda che sembra puntare ancora più in alto come Premier Events, ho visto un progetto al quale ho voluto aderire perché sento che firmeremo un pezzo di storia” - queste le parole di Fabrizio de Meis, titolare del marchio Cocoricò.
“Siamo orgogliosi di ospitare questo evento straordinario – ha dichiarato Zoran Novaković, responsabile della destinazione Nova Gorica – a dimostrazione del livello di eccellenza raggiunto dai centri Hit Casinos tanto nell’offerta professionale legata al gioco, quanto nell’accoglienza alberghiera. Un risultato che dipende anche dalla possibilità di fare sistema con gli operatori del territorio, garantendo, in un periodo tradizionalmente di bassa stagione per i flussi turistici, una ricaduta positiva in termini di indotto”. 
Antony Angeloni, Ceo di Premier Events, azienda leader dell’organizzazione di eventi collegati al gaming, è già orientato verso il futuro e si è lasciato scappare un’importante

anticipazione: “Premier Million è per noi una partenza, non un punto di arrivo. I progetti di Premier Events puntano ancora più in alto. Siamo consapevoli che grazie a questo torneo stiamo scrivendo una pagina importante della storia del poker live, ma non ci stancheremo mai di trasmettere grandi emozioni attraverso i nostri eventi. La passione per il nostro lavoro ci spinge a raggiungere importanti traguardi, il nostro obiettivo per il futuro è semplicemente quello di migliorarci e superare noi stessi.”

giovedì 26 gennaio 2017

Massano srl, Giuseppe Massano con la delegazione ricevuta dal Papa Benedetto XVI

Ernesto Olivero, presidente del Sermig, e il Sindaco di Torino Fassino hanno guidato una delegazione di giovani in visita da Papa Benedetto XVI, al quale hanno poi consegnato il premio “Artigiano della Pace”.
Il fondatore della Massano Group, Giuseppe Massano, sostenitore del Sermig e dei suoi progetti, ha partecipato alla visita.


Papa Benedetto XVI – Ernesto Olivero, presidente del Sermig – Giuseppe Massano, fondatore della Massano Group.
Nell’incontro, dopo l’Angelus, è stata consegnato al pontefice il Premio Artigiano della Pace, con la seguente motivazione: “a Benedetto XVI, una voce che porta verso la verità, sorella della pace”.
La delegazione era composta da un gruppo di giovani torinesi insieme a giordani, brasiliani, tedeschi, partecipanti al IV appuntamento mondiale Giovani della Pace.
Il Papa, al quale Olivero ha portato il saluto di Cesare Nosiglia, arcivescovo di Torino, si è intrattenuto a colloquio con il Sindaco Fassino che gli ha trasmesso «il saluto affettuoso di tutti i torinesi e il loro desiderio di poterlo accogliere presto in città».
Il premio Artigiano della Pace è un riconoscimento istituito nel 1981 e assegnato ogni anno dal Sermig a personalità che si sono distinte per il loro contributo alla costruzione della pace e del bene comune.
Sabato il IV appuntamento mondiale Giovani della Pace che si sarebbe dovuto tenere in Aula Paolo VI con circa 7mila giovani. “Il Santo Padre – ha dichiarato Olivero a Radio Vaticana – si è rammaricato di non poter ricevere i settemila giovani previsti ma è stato felice di salutare alcune di queste persone. Ed è stato veramente felice ed imbarazzato di ricevere un premio”.
Alla Radio Vaticana, il fondatore del Sermig ha raccontato che l’ultimo premiato, assieme al Papa, era stato nei giorni scorsi Giorgio Napolitano, che, ha detto, “ha avuto il piacere di darmi una piccola dedica per il Papa; un omaggio affettuoso da parte del presidente della Repubblica”.
FonteLa Stampa

La Lectio Magistralis di Claudio Descalzi alla cerimonia della Laurea Honoris Causa in Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio

Insignito della Laurea Honoris Causa in Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio, Claudio Descalzi ha parlato nella sua Lectio Magistralis delle strategie adottate da Eni per mantenere un alto standard di competitività internazionale nel panorama economico attuale.

La Lectio Magistralis di Claudio Descalzi, AD di Eni

Claudio Descalzi, Amministratore Delegato di EniRicerca scientifica e collaborazione con le Università: Eni ha investito dal 2010 a oggi 1,5 miliardi di Euro nel settore, impegnandosi in particolare nell'ambito delle rinnovabili. Lo ha dichiarato l'Amministratore Delegato del gruppo petrolifero, Claudio Descalzi, nella Lectio Magistralis che ha accompagnato la cerimonia di consegna della Laurea Honoris Causa in Ingegneria per l'Ambiente e il Territorio, assegnatagli dall'Università «Tor Vergata» di Roma. Il manager, nel suo intervento, ha voluto condividere il prestigioso riconoscimento con la società e i colleghi che collaborano con lui da 37 anni. Si è successivamente soffermato sull'impegno ambientale di Eni, sottolineando l'importanza della riduzione delle emissioni di gas serra e dell'attenzione verso il soddisfacimento dei bisogni energetici di tutto il mondo. Soltanto attraverso l'azzeramento delle emissioni entro il 2100 si giungerà agli obiettivi prestabiliti, da perseguire attraverso l'abbattimento dell'impatto carbonico e allo sviluppo delle rinnovabili. Solare, eolico e gas sono il futuro del nostro pianeta.

Claudio Descalzi: l'impegno di Eni in ambito ambientale

L'obiettivo di Eni da qui al 2025 è la riduzione del 43% delle emissioni di gas serra. Tale target, come emerge dalle parole di Claudio Descalzi, ha comportato un investimento sempre più massivo nelle rinnovabili, ovvero nella sostituzione del gas usato per la produzione interna con pannelli fotovoltaici, strategia utilizzata in particolare in Africa. La diminuzione del flaring, la minimizzazione delle emissioni «fuggitive» di metano e l'attenzione all'efficienza energetica sono gli step necessari per il cambiamento e per poter progredire in materia di sostenibilità ambientale. Sotto questo punto di vista l'Italia offre risorse notevoli: sono stati spesi, infatti, 2,5 miliardi di Euro in 8 anni per le bonifiche di alcuni terreni nel sud (4 mila ettari tra Sicilia, Sardegna, Puglia e Basilicata) all'interno dei quali verranno installati pannelli fotovoltaici. In questo modo si potrà arrivare a una riduzione annuale di 300 mila tonnellate di CO2.

mercoledì 25 gennaio 2017

La Chiesa di Scientology di Roma dedica una giornata alla Memoria delle Vittime dell’Olocausto.



Roma, 25.1.2017 – In occasione della giornata internazionale indetta dalle Nazioni Unite in questo giorno, 27 Gennaio, anniversario della chiusura di Auschwitz, la Chiesa di Scientology di Roma ha organizzato una giornata di porte aperte affichè se ne abbia ancora “memoria.. Per ricordare che l’orrore dell’Olocausto è generato dal seme della discriminazione che ancora oggi germoglia orrori meno evidenti, ma pur sempre presenti nella società sotto forma di sottrazione dei minori alle loro famiglie d’origine, diagnosi psichiatriche pseudoscentifiche votate per alzata di mano, pregiudizi religiosi, razziali, sessuali ed ideologici. Si vuole  far comprendere che  dietro a tutto ciò  troviamo assurde ideologie razziste che etichettano la diversità (che sia di credo, razza, sesso o abitudini) come “malata” e causa del “male” del mondo.  Queste “ideologie della diversità” hanno portato anche alla diffusione e al proliferare di “malattie” e alla creazione di ritrovati farmacologici, nello specifico, psicofarmaci dagli effetti collaterali pericolosi, avolte taciuti dalle grandi industrie farmaceutiche in nome di un interesse finanziario. Difronte a questi fatti, il CCDU  incrementerà l’impegno con la sua iniziativa di carattere internazionale chiedendo anche la partecipazione di quanti sono interessati a fare qualcosa per migliorare la cultura e la società in cui tutti viviamo.
Il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani (CCDU) Onlus, è un'organizzazione di volontariato non a scopo di lucro, finalizzata a investigare e denunciare le violazioni psichiatriche dei diritti umani.
Il CCDU è stato fondato in Italia nel 1979 ed è diventato una Onlus nel 2004. Il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani (CCDU) Onlus è una organizzazione indipendente ed è collegato ideologicamente al CCHR (Citizen Commission on Human Rights), che ha sede a Los Angeles.
Il CCHR International è stato fondato nel 1969 dalla Chiesa di Scientology e dal Professor Thomas Szasz, professore emerito di psichiatria all'Università di Syracuse, Stato di New York e autore di fama internazionale. A quel tempo le vittime della psichiatria erano una minoranza dimenticata, segregate in condizioni terribili nei manicomi sparsi nel mondo. In seguito a ciò, il CCHR elaborò una dichiarazione dei Diritti Umani sulla Salute Mentale che è diventata la linea guida per le riforme nel campo della salute mentale.


martedì 24 gennaio 2017

Gioielli in ceramica



 Pasini
Se parliamo di gioielli il riferimento da sempre utilizzato è l´oro, metallo prezioso per eccellenza fin dai tempi antichi, facilmente lavorabile e che permette di realizzare meravigliosi gioielli.
Materiale che spesso è accompagnato anche da pietre preziose, i diamanti prima di tutto, diamanti che sono i migliori amici di ogni donna, che donano luce, eleganza e raffinatezza. Con il passare degli anni le gioiellerie hanno aperto le porte anche all´argento, un materiale questo altrettanto pregiato ed elegante che permette però la realizzazione di gioielli alla portata di tutte le tasche, gioielli insomma adatti anche alle persone più giovani.
Gli abbinamenti non si fermano qui ovviamente, grazie anche a tecnologie sempre più sofisticate è oggi possibile utilizzare tanti altri materiali, ed è così che ad esempio una delle tendenze più attuali del momento vede risorgere un materiale sicuramente non raro, già utilizzato in verità in passato anche se con scarsi risultati, la ceramica. 

Il materiale ceramico
I designer e gli orafi hanno provato ad inserire la ceramica nei loro gioielli durante il corso degli anni, tentativi che però non sono mai stati particolarmente fortunati. Almeno sino ad oggi. Oggi infatti la ceramica è diventata un materiale davvero molto ricercato che tutti amano. Il successo della ceramica deve essere ricercato nell´effetto moderno e sofisticato che riesce a dare ai gioielli, creazioni che proprio grazie alla ceramica diventano anche molto più colorate, allegre, gioielli insomma di grande design che sembrano delle vere e proprie piccole opere d´arte che potrebbero tranquillamente essere inserite in un´esposizione di una galleria d´arte contemporanea. Ovviamente non stiamo parlando di gioielli interamente realizzati in ceramica, in queste moderne realizzazioni la ceramica gioca insieme all´oro, all´argento, alle pietre preziose, ai diamanti, alle perle, tanti diversi materiali che si incontrano, di intrecciano, creano composizioni del tutto inaspettate.
Ma sono belli i gioielli in ceramica?
Sono soprattutto gli anelli in ceramica ad aver riscosso in questi ultimi tempi il successo più intenso. Chanel realizza ad esempio dei meravigliosi anelli in ceramica bianca e nera, anelli in cui la ceramica gioca con l´oro bianco e con il luccichio di tanti piccoli diamanti, anelli che nascono per essere accostati tra loro con il massimo della libertà. Anche Damiani decide di sfruttare la ceramica nera e bianca, accostandola all´oro bianco ma ache all´oro rosa, anelli che riportano il simbolo di Damiani e che sono davvero chic. E non possiamo dimenticare ovviamente la nuova collezione di anelli Rosario di Nardelli Gioielli, una collezione in ceramica nera, blu, marrone, bianca, panna, una collezione di gioielli impreziositi da pietre preziose e da inserti in oro.
La ceramica è insomma ormai entrata a pieno titolo nel mondo dei materiali più amati dagli orafi. Si tratta solo di una moda passeggera oppure la ceramica rimarrà per sempre in questo Olimpo? Impossibile dare una risposta a questa domanda, non ci resta che attendere per vedere se la ceramica riuscirà a mantenere il posto che è riuscita a raggiungere. Per adesso da pasinigioielli.com di sicuro questi gioielli sono una delle tendenze più vive, una tendenza da non lasciarsi sfuggire e che possiamo acquistare facilmente nella nostra gioielleria online di fiducia.